Speciale BoardGameSurf

I titoli più interessanti visti alla Play 2016!

Di Roberto Vicario (7 Aprile 2016)
Negli scorsi giorni, più precisamente il 2 e 3 aprile, si è tenuta nel polo fieristico di modena la fiera dedicata al gioco, e chiamata con estrema efficacia e semplicità: Play. L'edizione 2016 ha fatto segnare un ennesimo anno di crescita per la kermesse modenese, un trend che anno dopo anno continua a migliorare e che nella due giorni di apertura al pubblico ha portato ben 33 mila visitatori a sedersi ai tantissimi tavoli da gioco presenti nei vari padiglioni.

Ma per coloro che non sanno bene di cosa stiamo parlando, spieghiamo esattamente cos'è la PLAY. In poche parole si tratta di una fiera molto importate per il mercato dei giochi in scatola, dei live game e dei giochi di ruolo (probabilmente la più importante!) in cui autori (spesso anche ospiti internazionali, come ad esempio Mac Gerdts), editori e pubblico, si trovano sotto lo stesso tetto per condividere una passione sempre più in crescita e provare le novità del momento, nonché qualche prototipo di gioco futuro.

Noi di Gamesurf da un po di tempo a questa parte, abbiamo deciso di dare spazio a questo bellissimo passatempo (presto tornerà anche la nostra video rubrica Boardgamesurf!) e ovviamente, da grandi appassionati, non potevamo non essere presenti a questo così importante. In questo articolo vi raccontiamo di alcune delle novità che più ci hanno incuriosito in questa due giorni modenese, e come leggerete ce n'è davvero per tutti i gusti. Buona lettura!
BoardGameSurf - Immagine 1
Il particolare Above and Below e tutta la sua componentistica.
Forbbiden Stars (Fantasy Flight Game - Asterion Press)

Uscito proprio a ridosso di Modena, Forbidden Stars è un gioco di combattimenti spaziali e di conquiste planetarie ambientato all'interno dell'universo di Warhammer 40.000. Nel gioco saranno presenti quattro razze, una per giocatore: Ultramarine, Eldar dell'Arcamondo Lyanden, Orchi del clan dei Zoli Maligni e la Banda da Guerra dei divoratori di Mondi o più semplicemente Space Marine del Caos.

Ogni fazione ha il suo stile di gioco, e lo scopo è quello di reclamare i segnalini obiettivo presenti sulla plancia, specifici per ogni razza. Per quello che abbiamo potuto vedere, il combattimento all'interno di Forbidden Stars è piuttosto frenetico ma allo stesso tempo estremamente strategico. I giocatori in quanto generali supremi della propria armata hanno vari segnali comando che posizionano all'interno delle svariate galassie che compongo il terreno di scontro principale chiamato Ammasso di Herakon.

Nonostante un prezzo sicuramente impegnativo (circa 100 euro) la quantità di materiale presente nella scatola, tra cui si fanno notare “secchiate” di miniature finemente dettagliati con la possibilità di essere dipinte, potrebbe trasformare il titolo in un prodotto davvero appetibile per fan e non di questo universo.

Chutlu Realms (Pendragon Game Studios)

Tra i titoli presenti in anteprima alla Play c'era anche Cthulhu Realms, un simpatico e veloce gioco di carte ispirato proprio a figure e personaggi nati dalla mente di H.P. Lovecraft. Il titolo proposto in lingua italiana da Pendragon Game Studio è un veloce e divertente gioco di carte in cui dovremo battagliare con i nostri avversarsi a suon di sanità mentale. Scopo del gioco è quello di far perdere salute mentale ai nostri avversari sfruttando tutte le risorse che il mazzo di gioco ci metterà a disposizione.

Il titolo ha un durata variabile da 20 a 45 minuti, e molte meccaniche che abbiamo visto ci hanno ricordato un altro deck building game piuttosto famoso: Star Realms. La particolarità di questo gioco sta ovviamente - oltre che nell'ambientazione - nel riuscire a trovare delle carte in grado di incastrarsi perfettamente tra loro in modo da portare a segno potenti combo. Un titolo estremamente traversale, valido sia per i nuovi giocatori che per quelli più esperti, e con uno stile molto divertente ed accanitamente.
BoardGameSurf - Immagine 3
Lo stile del gioco è decisamente fumettoso.
Angry Granny (BeatMonkey SRL)

Altro titolo molto molto divertente e leggero. I neonati Beatmonkey hanno portato a Modena il loro primo gioco dall'ambientazione decisamente accattivante. Ci troviamo in un futuro post apocalittico e le “nonnine arrabbiate” che fanno da sfondo al gioco se le dovranno dare di santa ragione finché non ne rimarrà soltanto una: colei che riuscirà ad avere la pensione. Una scelta molto particolare e divertente, perfettamente trasporta all'interno del corposo mazzo di carte che servirà ai giocatori per darsele di santa ragione.

Con uno stile che ricorda Bang ma con una serie di combo che si possono incastrare degne di esperti giocatori di Magic, Angry Granny è un veloce gioco per 2/6 giocatori dalla durata di circa 20/30 minuti. Ogni giocatore controlla una nonna con delle particolari abilità e una barra della vita. Nel mazzo sono presenti carte offensive, difensive eventi e imprevisti. Scopo del gioco, come detto, cercare di eliminare tutti gli altri giocatori. Velocissimo da apprendere e con carte molto divertenti da leggere e giocare contro gli altri giocatori, Angry Granny è sicuramente quel gioco in grado di rapire per l'ambientazione e strappare qualche risata all'interno del gruppo di gioco.

Above and Below (Dv Giochi)

Sin dalle settimane precedenti alla Play 2016 si è sentito parlare parecchio di questo Above and Below, titolo realizzato da Ryan Laukat e portato in italia da DV Giochi. Il titolo mescola due meccaniche molto differenti tra di loro quella delle gestione dei lavoratori e quella dello storytelling che si avvicina parecchio ai famosi librigame.

Il nostro scopo sarà quello di gestire e sviluppare un villaggio sia in superficie ma anche esplorando delle grotte che si trovano sotto il nostro insediamento. Se la parte in superficie ricorda molto altri titoli di stampo più gestionale, diverso è il gameplay nelle grotte. Ogni zona infatti ci narrerà di incontri fatti o eventi accaduti grazie ad un libro delle avventure che dovremo leggere (e agire di conseguenza) ogni volta che andremo ad esplorare…occhio ai pericoli!

Un gioco davvero particolare, e che non mancheremo di mostrarvi, appena possibile, nella nostra rubrica video!
BoardGameSurf - Immagine 6
Nonne arrabbiatissime...occhio!
Last Will (Cranio Creations)

Nonostante sia un titolo già di successo in altri paesi, Cranio Creations ha portato finalmente localizzato nella nostra lingua Last Will comprensivo anche di espansione “perdere il lavoro”. Il gioco d Vladimir Suchy per 2-5 giocatori ci metterà nei panni di giovani ereditieri che per volontà del loro ricchissimo zio defunto dovranno sperperare tutto quello che ci ha lasciato nel minor tempo possibile. Il primo che ci riuscirà sarà dichiarato vincitore.

Al di là della meccanica molto intrigante che ci chiedere di perdere soldi e non di guadagnarli (vi ricordate Crack?) il titolo ci ha convinto per l'estrema validità delle sue meccaniche di gioco. Dovremo fare davvero di tutto: cene, andare a teatro, comprare oggetti e fare pessimi investimenti immobiliari. Il primo che rimarrà senza il becco di un quattrino sarà il degno erede dello zio ricchissimo! da provare assolutamente!

Bucks Bullets & Flowers (Apokalypse Ink.)

Chiudiamo con il titolo che probabilmente più ci ha entusiasmato a questa Play 2016. Bucks Bullets and Flowers è un gioco in cui un massimo di 8 giocatori si danno battaglia nella Chicago degli anni '20 vestendo i panni di famosi gangster. Il titolo ci da la possibilità di gestire un vero e proprio clan che ci chiederà di arruolare nuovi adepti della “famiglia”, gestire locali per guadagnare introiti e ovviamente, all'occorrenza, uccidere le altre famiglie. Il gioco permette anche ad un giocatore di impersonare la polizia. Il suo scopo sarà quello di cercare non solo di incarcerare uno dei capi clan, ma anche di farlo risultare colpevole al processo. Il gioco è estremamente ambientato e molti dei nomi realmente esistiti in quegli anni si ritrovano al suo interno. Nomi del calibro di Al Capone, giusto per citare il più famoso.

Il titolo offre inoltre una componentistica davvero ricca che grazie alla campagna kickstarter partita proprio in questi giorni, potrà essere ulteriormente arricchita da miniature dei gangster e versioni in 3D cartonato dei palazzi.
BoardGameSurf - Immagine 4
L'imponente componentistica di Forbidden Stars.
Anche quest'anno Modena Play 2016 è riuscita a regalarci la possibilità di testare qualche novità degna di nota e interesse. La percezione, guardandoci intorno nei tanti e affolati stand, è che il gioco in scatola dopo un periodo di lungo letargo, stia finalmente tornando alla ribalta riprendendosi lo spazio che si merita. Fateci sapere se qualcuno di questi titoli vi ha appassionato o incuriosito... ci si vede attorno ad un tavolo a lanciare qualche dado!