Speciale Black Mirror

La dura realtà riflessa in uno schermo nero
Valentina BarrancoDi Valentina Barranco (1 Novembre 2016)
Da qualunque dispositivo stiate leggendo questo articolo, vi invitiamo a spegnere lo schermo per un attimo e fissarlo attentamente. Fatto? Cosa avete visto? Ma come "niente", guardate meglio. Ora lo vedete? E' il vostro volto. Riflesso e incastonato in una fredda ma profonda cornice nera. E' questo lo specchio a cui si riferisce il titolo della serie. Quante ore passiamo davanti ad uno schermo? Troppe. L'uso - o forse abuso - che si fa oggi della tecnologia è eccessivo, disturbante, dissociante. Sempre di più smartphone, tablet e computer ci hanno allontanato da quella che è la vita al di fuori di un monitor, alterando le nostre percezioni della realtà e, soprattutto, di noi stessi. Pensate che non possa andare peggio di così? La serie tv Black Mirror è pronta a dimostrarvi il contrario, trasportandovi in un futuro distopico dove la tecnologia ha subito un notevole upgrade e, nella maggior parte dei casi, ha preso il totale controllo delle nostre vite, le vite dei protagonisti, trasformandole in veri incubi ad occhi aperti da cui è impossibile svegliarsi, proprio perchè, nella maggior parte dei casi, non ci si rende nemmeno conto di star sognando.
Black Mirror - Immagine 1
The Future is Broken

Uno specchio inquietante

La serie è stata scritta e prodotta nel 2011 da Charlie Brooker per Channel4. Ex giornalista videoludico per la rivista PC Zone dove appunto faceva recensioni, fumetti e teneva una rubrica, "Sick Notes", dove insultava chiunque scrivesse al magazine. Sì, avete letto bene. La rivista fu anche ritirata dagli scaffali a causa di un'immagine da lui creata, una vignetta parodistica su Tomb Raider (saga spesso criticata per la violenza sugli animali) che mostrava uno zoo appartenente alla giovane archeologa dove i bambini se la prendevano in modo un po' troppo "fisico" con gli animali.
Il suo cinismo e talento creativo si sono poi riversati nella scrittura di vari programmi televisivi e show (la sua miniserie Dead Set è stata candidata al premio BAFTA 2009) fino a dare vita a questa piccola grande perla della tv inglese che è Black Mirror. Fino ad oggi possiamo contare 12 episodi e 1 special di Natale, tutti antologici (ovvero scenari e personaggi diversi per ogni puntata) e tutti con uno stesso filo conduttore: il progredire delle nuove tecnologie, la dipendenza da esse e gli effetti collaterali che ne derivano. Ad una premessa narrativa che dire interessante è dire poco, si aggiungono una splendida colonna sonora, regie magistrali e una fotografia ancora migliore. Un vaso di pandora bellissimo, affascinante, e decorato dai più abili artigiani.
Black Mirror - Immagine 3
E se fossimo dotati di un chip che memorizza tutto ciò che facciamo, vediamo e sentiamo?

Il futuro è dietro l'angolo

Il tipo di tecnologia usata in Black Mirror è un po' più avanzata di quella attuale, ma niente che non si possa raggiungere in una decina di anni, anche meno. Questo è il messaggio. Sta già accadendo o accadrà. Ed è per questo che la serie parla ai nostri animi alle nostre menti e, finita la visione, ci lascia quella sensazione di disagio addosso che si trascina per giorni. Ogni stagione ha il suo stile, e ve ne accorgerete, ma ogni singolo episodio punta a strappare via un determinato velo dai vostri occhi, a sbloccare una serie di pensieri e reazioni, a svegliarvi. L'abuso che si fa di social e tecnologia ci sta portando verso un abisso molto profondo, di cui ancora non si vede la fine. Un labirinto di selfie, di foto al cibo che mangiamo, ipocrisia, LOL e indifferenza verso quello che invece accade attorno a noi. Vi sembra un dipinto familiare? O che stiamo esagerando? Vi basterà qualche ora di visione per ricredervi, e, perchè no, ritrovare voi stessi in certi atteggiamenti adottati dai protagonisti.
Inconteremo il vendicativo, il fanatico, il disperato, l'assassino, il social addicted, il soldato, l'innamorato... Una distopia che può aiutarci ad analizzare e comprendere meglio il presente, tramite le immagini di questo futuro distorto.
Black Mirror - Immagine 2
Like, like, LIKE!

#Conclusione

Di motivi per guardare Black Mirror ve ne abbiamo dati tanti. Motivi per non guardarla, a dirla tutta, non ce ne vengono in mente molti. Se pensate che le verità mostrate nella serie possano disturbarvi troppo, se pensate di non essere pronti a sollevare la testa dal vostro smartphone ed aprire gli occhi, allora questo non è lo show che fa per voi. Ma se gli date una possibilità, Black Mirror vi sorprenderà anche con dei lieto fine...
Per il momento, tutte e tre le stagioni (compreso lo speciale natalizio) sono presenti su Netflix. Per quanto riguarda l'home video, in Italia non è ancora disponibile, ma tramite i soliti siti di e-commerce potrete fare vostra l'edizione UK (non contenente però sottotitoli nella lingua nostrana).
Fantascienza? Distopia? Sì e no. Black Mirror è qui per mostrarci come sarà il nostro futuro se lasceremo che la tecnologia prenda il sopravvento sulle nostre vite. Dodici episodi e uno special di Natale, tutti della durata di un'ora circa, vi porteranno avanti di qualche anno e vi apriranno sugli occhi su quello che, per alcuni di noi, è già realtà.

Black Mirror

Black Mirror cover
  • Creata da: Charlie Brooker
  • Emittente: Netflix
  • Genere: Sci-fi, Drammatico
  • Nazionalità: Inghilterra
  • Anno di produzione: 2011
  • Durata singolo episodio: 60 min.
  • N° Stagioni: 3 (In corso).
  • Cast: Bryony Neylan-francis, Rory Kinnear, Lindsay Duncan, Donald Sumpter, Tom Goodman-Hill
Empire
I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Sense8

1

Sense8

I Sense8 sono tornati

Girlboss

1

Girlboss

Storia di una donna di successo

Il Trono di Spade
Il Trono di Spade

Il cofanetto Blu-Ray della sesta stagione

13 Reasons Why

1

13 Reasons Why

Alla fine, tutto è importante...

Empire
Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar

5

Pirati dei Caraibi: la vendetta di Salazar

Jack Sparrow ritorna a solcare i mari pirateschi Disney

47 Metri

3

47 Metri

Mettiamo alla prova le nostre paure!

King Arthur - Il Potere della Spada

5

King Arthur - Il Potere della Spada

Ritchie ci racconta una versione estremamente moderna di Re Artù

Alien: Covenant

8

Alien: Covenant

Nello spazio nessuno può sentirti urlare

Assassin's Creed

2

Assassin's Creed

Quattro chiacchiere con il regista di Assassin's Creed