Speciale 13 Reasons Why

Alla fine, tutto è importante...
Luca GambinoDi Luca Gambino (20 Marzo 2017)

La domanda è: si sentiva davvero bisogno di un altro teen drama? In effetti è un dubbio lecito quando si spulcia tra il cast di 13 Reasons Why (che in Italia uscirà semplicemente come "13") e si dà una prima lettura della trama, perché ci sono tutti i classici punti cardine di qualsiasi produzione diretta al pubblico dei giovanissimi. C’è la scuola, che funziona come collettore delle vicende e delle esperienze dei vari protagonisti, ci sono le storie d’amore e c’è quella tensione sessuale che è ormai sdoganata anche in questo genere di prodotti.

13 Reasons Why
13 Reasons Why - Immagine 200594
13 Reasons Why - Immagine 200593
13 Reasons Why - Immagine 200592
13 Reasons Why - Immagine 200591
13 Reasons Why - Immagine 200590
13 Reasons Why - Immagine 200589
13 Reasons Why - Immagine 200588
13 Reasons Why - Immagine 200587
13 Reasons Why - Immagine 200586
13 Reasons Why - Immagine 200585

Quello che invece difficilmente potete recepire dai vari comunicati in merito alla serie, è il costante e crescente clima di suspance permea le prime puntate che abbiamo avuto modo di poter visionare in anteprima assoluta. La serie prodotta, tra gli altri, da Selena Gomez prende le distanze dai canoni più classici delle produzioni “teens” per dirigersi verso scenari più morbosi, almeno nelle intenzioni.

La serie, tratta dal romanzo “13” di Jay Asher, racconta dell’amicizia di Clay e Hannah, attraverso le parole della stessa Hannah e il classico stratagemma dei flashback. Si, perché fin dalla prima puntata, sentiamo di parlare di Hannah come dell’ennesima giovane morta troppo in fretta, in circostanze che ancora non sono del tutto chiare. E’ stato un suicidio, e la giovane Hannah racconta le “tredici ragioni” che l’hanno spinta a questo gesto estremo, oppure c’è dell’altro?

Sta di fatto, però, che il giovane Clay, rientrando a casa dalle lezioni, trovi sulla porta di casa un pacchetto contenente diverse audiocassette: “Queste cassette di aiuteranno a capire di più della mia vita, e della mia morte”. Ed è proprio da qui che scatta l’aggancio verso lo spettatore, perché pare proprio che la giovane Hannah fosse già a conoscenza del suo triste destino. Un destino che ha scelto lei o che in qualche modo era facilmente prevedibile?

Inutile dire che il rimando alla sfortunata Laura Palmer sia facile e immediato, ma qui manca totalmente la “malattia” della visione del miglior Lynch. Tuttavia il mistero è sempre presente, perché a questo punto la palla passa al giovane Clay (interpretato da Dylan Minnette), che inizia ad investigare su quanto accaduto alla giovane amica, ripercorrendo le tappe della loro amicizia e venendo a conoscenza di diversi aspetti assolutamente insospettabili di alcuni compagni di classe con cui Hannah ha interagito.

C’è di più: Clay inizia ad essere seguito, non si sa esattamente da chi, ma è evidente che qualcuno a bordo di una potente macchina inizia a seguirne le tracce, forse per coprire eventuali sgradite sorprese che possano mettere nei guai qualche alto esponente della piccola comunità dove 13 Reason Why è ambientata.

Una curiosità: inizialmente 13 Reasons why doveva essere un film con Selena Gomez come protagonista femminile proprio nel ruolo di Hannah e Universal Studios nelle vesti di produttore. Qualche anno più tardi, visto il fallimento del progetto cinematografico, Netflix ha deciso di produrre una serie TV basata sul romanzo e con la stessa Gomez nel ruolo di produttore. Nel cast, oltre al già citato Dylan Minnette (che abbiamo visto anche in Lost e in Prison Break), troviamo anche la pressoché esordiente Katherine Langford nel ruolo di Hannah, Kate Walsh (Grey’s Anatomy e Private Practice) e Matthew Alan.

13 Reasons Why - Immagine 8

L’adolescenza è come una palla insaponata: puoi pensare di averne il controllo, ma basta una pressione di troppo e scivola via e, a volte, è impossibile riafferrarla. 13 reasons why è una serie che non si nasconde dietro la retorica e arriva dritta al punto raccontando senza mezzi di termini le difficoltà di un’adolescenza sempre più complessa e difficile per i ragazzi di oggi. E’ davvero apprezzabile la volontà della produzione di utilizzare immagini e tematiche forti con la consapevolezza di mettere a disagio lo spettatore, senza ricorrere però a quegli espedienti che ricercano lo shock gratuito. Al contrario, per quanto diretta, la serie prodotta da Selena Gomez riesce ad alternare momenti assolutamente delicati e carichi di speranza ad altri dove i traumi e le conseguenze della violenza più o meno consapevole di quell’età sono portati davanti alla telecamera senza alcun filtro. Un inno alla vita che, purtroppo, passa dalla consapevolezza che, davvero, alla fine tutto conta. Brava Netflix.

13 Reasons Why

13 Reasons Why cover
  • Creata da: Brian Yorkley
  • Emittente: Netflix
  • Genere: Teen Drama
  • Nazionalità: USA
  • Anno di produzione: 2017
  • Durata singolo episodio: 55 min.
  • N° Stagioni: 1 (In corso).
  • Cast: Dylan Minnette, Katherine Langford, Kate Walsh, Brian d'Arcy James, Derek Luke, Brandon Flynn, Justin Prentice
Empire
Castlevania
Castlevania

Un'icona del gaming sbarca su Netflix. Sarà vera gloria?

I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Sense8

1

Sense8

I Sense8 sono tornati

Empire
The War - Il Pianeta delle Scimmie
The War - Il Pianeta delle Scimmie

Cesare ci accompagna verso lo scontro finale!

Spider-Man: Homecoming

1

Spider-Man: Homecoming

Il bimbo ragno è tornato a casa!

Transformers: L'ultimo Cavaliere

6

Transformers: L'ultimo Cavaliere

Uno scontro sempre più epico...e confusionario!

LEGO Batman Il Film
LEGO Batman Il Film

Anche a cubetti, il pipistrello di Gotham non tradisce le aspettative

La mummia

5

La mummia

Il nuovo Dark Universe parte dall'Antico Egitto!