Tomb Raider: Angel Of Darkness

- Recensione

Di Andrea Cani (25 Agosto 2003)
Immagine 1
In certe situazioni l'unica possibilità per rimanere vivi è arrendersi. La scritta game over sarà l'ultima cosa che vedrete dopo una scena del genere.
Sono sicuramente pochi i personaggi nati con un videogioco che sono riusciti ad esportarsi e farsi conoscere anche da chi con il mondo dei videogame non ha nulla a che spartire. Lara Croft, eroina protagonista della serie Tomb Raider, è sicuramente uno dei pochi eletti. Analizzare le motivazione di questo successo al di fuori dai canonici confini (ricordiamo che ne è stato pure realizzato un film con protagonista Angelina Jolie) sarebbe complesso, ma alcuni aspetti hanno sicuramente aiutato l'archeologa a diventare un personaggio tanto conosciuto. In primis si è trattato della prima “vera” donna protagonista di un videogame (almeno prendendo in considerazione i giochi dell'era tridimensionale), e in seconda battuta si tratta di un personaggio che è riuscito a far sognare milioni di fan grazie a ben evidenti doti (ma che avete capito? Si parlava dell'abilità nel maneggiare pistole e nello scoprire i tesori più nascosti).
Immagine 2
Le fasi di nuoto sono presenti e abbondanti come in ogni capitolo della serie.
Immagine 3
Le cut scene sono realizzate interamente con lo stesso motore del gioco. Qui Lara cerca di rimettere insieme i pezzi del puzzle.
Immagine 4
Avevate mai visto acque di scarico fognarie così chiare e limpide? Lara fa un bel bagno rinfrescante in attesa di qualche nemico da sistemare.
Ma per dare a Cesare quel che è di Cesare bisogna soprattutto non dimenticare che il primo Tomb Raider è stato e continua ad essere tuttora un signor videogame. Il grande successo che il gioco ebbe, probabilmente insperato dagli stessi programmatori, convinse la casa madre a ripetere l'esperimento, bissando il successo di pubblico ma altresì attirando le prime critiche negative da parte della stampa specializzata. Senza ombra di dubbio Tomb Raider fu un gioco innovativo per molti versi, ma la serializzazione con scadenza annua in concomitanza col periodo natalizio cominciò ad attrarre i dissensi della critica e di una parte del pubblico (il gioco continuò comunque a vendere come il pane), stanco di vedersi rifilare ogni dodici mesi lo stesso minestrone riscaldato. Consapevoli di ciò i ragazzi della Core decisero di dare la svolta che potesse in qualche modo mettere tutti d'accordo. Ma questo cambiamento di direzione non fu un'operazione semplice e l'uscita del titolo, che anche questa volta si pensava dovesse avvenire in concomitanza col periodo natalizio, slittò diverse volte. Ma il gioco è finalmente arrivato ed ora che l'abbiamo tra le mani potremo verificare con i nostri occhi se gli sforzi profusi saranno stati sufficienti per darci un buon prodotto che sia allo stesso tempo in grado di portare una ventata d'aria fresca alla serie.

Tutto ha inizio quando Lara viene convocata a Parigi da una sua vecchia conoscenza, il professor Werner Von Croy. Il motivo della riunione tanto improvvisa quanto inattesa ha come fulcro alcuni strani eventi che stanno scuotendo Parigi negli ultimi tempi. E' evidente sin dai primi momenti che il professore, tipo normalmente compassato e sereno, ha premura di affidare un compito importante a Lara. Ma il colloquio prende presto una piega certamente non delle più amichevoli, vista l'incomprensione che i due ebbero ai tempi dell'Egitto. Il litigio verbale tra Lara e Werner finisce inaspettatamente, dopo una breve colluttazione, con la morte del professore provocata da alcuni spari la provenienza dei quali ci viene tenuta nascosta. Ma, come è ovvio che sia, tutte le prove sono contro Lara che viene presto braccata dalla polizia francese. Il primo compito che dovremo affrontare nel corso del gioco sarà quello di sfuggire alle attenzioni dei poliziotti parigini per poter far luce sugli strani eventi che il professor Von Croy cercava di spiegare prima che la discussione si infiammasse mortalmente.
Immagine 5
Le luci e i laser della discoteca sono agli antipodi dei luoghi che la nostra archeologa preferita è solita esplorare.
Immagine 6
Camminare a carponi è una mossa classica di Tomb Raider che spesso useremo per imboccare tunnel ad altezza di ratto.
Immagine 7
Notate la lunga treccia che... no beh... notate il livello delle texture della giacca... diamine!!! notate quello che vi pare ma notate!
0 commenti

Tomb Raider: Angel Of Darkness

Disponibile per: PC , PS2
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Eidos Interactive
  • Sviluppo: Core Design
  • Distribuzione: Leader
  • Genere: Sparatutto
  • PEGI: +12
  • Uscita italiana: Agosto 2003
True Detective

True Detective

Recap Episodio 2x02 - Night Finds You

True Detective

1

True Detective

Recap Episodio 2x01 - The Western Book of the Dead

Il Trono di Spade

9

Il Trono di Spade

Recap Season Finale 5x10 - Mother's Mercy

Netflix

Netflix

Andiamo alla scoperta di Netflix!

Fringe

6

Fringe

La prima e la seconda stagione finalmente nelle nostre mani

Empire
Unfriended

1

Unfriended

Quando i social network diventano pericolosi...

Contagious - Epidemia Mortale

6

Contagious - Epidemia Mortale

Gli zombie come semplice strumento nella narrazione di un dramma...

Babadook

Babadook

E poi arriva l'horror che non ti aspetti...

Ted 2

2

Ted 2

L'orsacchiotto più irriverente del grande schermo, torna in azione!

Scemo & + Scemo 2

Scemo & + Scemo 2

Due scemi nel vostro salotto, in HD