Recensione The Accountant

Una nuova forma di eroe?
Roberto Vicario Di Roberto Vicario
Il mondo del cinema è alla ricerca di nuovi action hero. Una nuova stagione di personaggi “normali”, senza costumi e senza particolari poteri. Personaggi che si avvicinano alle figure che tutti i giorni incrociamo per strada o con cui interagiamo, ma che nascondono piccoli segreti. In questo quadro piuttosto preciso Gavin O'Connor dipinge la figura di Christian Wolff, un ragazzo affetto da autismo funzionale che svolge uno dei lavori più comuni e conosciuti: il contabile.

Un nuovo franchise?

Wolff (Ben Affleck) è un ragazzo affetto d'autismo funzionale, un deficit neurologico che però, attraverso il rigore e l'allenamento, non gli impedisce di vivere una vita normale. Rigoroso, preciso, ossessionato dal dover finire i lavori che inizia, ma anche difficilmente propenso ad instaurare rapporti umani con le altre persone.
Christian fa il contabile in un piccolo ufficio dell'Illinois, ma in realtà è una copertura. Il suo lavoro è quello di riciclare denaro per le più grandi organizzazioni mafiose della terra. Grazie ad un padre che l'ha cresciuto attraverso un addestramento militare ferreo, il contabile è anche un esperto di arti marziali e riesce ad utilizzare con precisione chirurgica le armi da fuoco. Tutto cambierà nel momento in cui verrà chiamato da un'azienda che lavora principalmente nella realizzazione di protesi meccaniche per gli arti. La contabile Dana Cummings (Anna Kendrick) ha infatti scoperto un buco, e viene chiesto proprio a Wolff di indagare sull'accaduto. Più andrà a fondo, più le cose diventeranno torbide e pericolose.

Un po' Jason Bourne che incontra Rain Man, un pizzico di thriller condito con il drama, e così molto altro. C'è davvero tanto in questo The Accountant. Il nuovo film di O'Connor, in sostanza, cerca di portare su schermo un action-thriller asciutto e diretto ma che in realtà offre agli occhi dello spettatore molto più di quello che pensa.
The Accountant
The Accountant - Immagine 193589
The Accountant - Immagine 193588
The Accountant - Immagine 193587
The Accountant - Immagine 193586
The Accountant - Immagine 193585
The Accountant - Immagine 193584
The Accountant - Immagine 193583
The Accountant - Immagine 193582
The Accountant - Immagine 193581
The Accountant - Immagine 193580
Se in Warrior (suo vero capolavoro) i rapporti personali e sentimentali tra due persone sono raccontati non solo attraverso il dialogo, ma sfruttando anche la violenza e il contatto fisico, in The Accountant tutto ruota attorno alla mancata empatia che il personaggio di Affleck non riesce a sviluppatore con le persone che lo circondando, e che lo porta ad essere una specie di macchina. Il rapporto con il padre, con il fratello (John Bernthal) e soprattutto con la Kendrick, sono al centro della pellicola, insieme ovviamente all'azione.

In questo ruolo Ben Affleck è perfetto, portando in scena un personaggio che gli calza a pennello, e che proprio per questo motivo è tra i più riusciti dell'intero cast. Fortunatamente il nuovo Batman è supportato da un cast di assoluto livello tra cui J.K.Simmons, Anna Kendrick, Jeffrey Tambor e il sempre più presente Jon Bernthal; è quindi un peccato dover sottolineare che questi grandi attori non sono stati sfruttati al massimo, a causa soprattutto di una storia che, pur coinvolgendo per le scene d'azione, manca di quella profondità e di quell'intreccio necessari.
The Accountant - Immagine 1
The Accountant - Immagine 2
The Accountant - Immagine 3
Il film è godibile, in due ore scorre senza particolari momenti di stanca. Rimane però la sensazione di un prodotto che, sotto l'aspetto puramente narrativo, poteva dare decisamente di più. Il tutto è invece un po annacquato, e probabilmente già proiettato in un ottica di franchise che vede Hollywood sempre più convinta nel serializzare i suoi film.

In sostanza, pur non trovandoci davanti all'apice della filmografia di O'Connor, The Accountant è un film che riprendere gli elementi classici del genere action thriller e li arrangia su un personaggio particolare, meno stereotipato, ma che soprattutto funziona alla grande. La speranza è quella di vedere, in futuro, una sceneggiatura più elaborata di quella scritta da Bill Dubuque per questa pellicola.

Ad ogni modo, se Hollywood era alla ricerca di un nuovo action hero diverso dagli altri, forse è riuscita a trovarlo.
The Accountant è il classico esempio di film ben diretto, ben interpretato, che presenta valide scene d'azione e con un soggetto interessante....il tutto ridimensionato da una sceneggiatura piatta e che pensa più al futuro (seguito?) che al presente. Se si è alla ricerca di nuovi eroi per il cinema d'azione, il nostro contabile è un validissimo candidato, grazie (anche) a delle peculiarità caratteriali, che lo portano ad essere molto distante dalle figure viste sino ad ora. Se amate il genere andate a vederlo, non ve ne pentirete.

The Accountant

The Accountant Cover
  • Regia: Gavin O'Connor
  • Produzione: Zero Gravity Management, Electrict City Entertainment
  • Nazionalità: Stati Uniti
  • Distributore: Warner Bros.
  • Sceneggiatura: Bill Dublique
  • Genere: Action, Thriller
  • Durata: 128 min.
  • Data di uscita: 27 Ottobre 2016
  • Cast: Ben Affleck, Anna Kendrick, Jon Bernthal, J.K. Simmons, John Lithgow, Jeffrey Tambor, Alison Wright, Cynthia Addai-Robinson, Ron Yuan
Empire
Castlevania
Castlevania

Un'icona del gaming sbarca su Netflix. Sarà vera gloria?

I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Sense8

1

Sense8

I Sense8 sono tornati

Empire
The War - Il Pianeta delle Scimmie
The War - Il Pianeta delle Scimmie

Cesare ci accompagna verso lo scontro finale!

Spider-Man: Homecoming

1

Spider-Man: Homecoming

Il bimbo ragno è tornato a casa!

Transformers: L'ultimo Cavaliere

6

Transformers: L'ultimo Cavaliere

Uno scontro sempre più epico...e confusionario!

LEGO Batman Il Film
LEGO Batman Il Film

Anche a cubetti, il pipistrello di Gotham non tradisce le aspettative

La mummia

5

La mummia

Il nuovo Dark Universe parte dall'Antico Egitto!