Recensione Tales of Eternia

E anche la PSP ha un valido J-RPG in carniere...
Antonio Norfo Di Antonio Norfo
Sopra il cielo di Inferia, terra verde e soleggiata, sta Celestia con le sue fredde lande (ai due “mondi”, aldilà di lingua e cultura, si frappone materialmente una barriera di nuvole denominata Orbus).
Mentre l'ordine è minacciato da un'incombente pericolo, l'inferiano medio sembra non accorgersi di nulla, se si esclude quel diverso pigmento che pian piano sta assumendo la volta celeste.
La quiete ha tuttavia le ore contate, ed in effetti le placide campagne di Rasheans vengono un giorno scosse dalla caduta di un misterioso oggetto volante. Dal suo interno uscirà incolume una misteriosa fanciulla, Meredy, il cui incontro con Farah Oersted, Reid Hershel (e Keele Zeibel) darà il la all'avventura su cui siamo adesso chiamati ad esprimere un giudizio.
Tales of Eternia - Immagine 1
Tales of Eternia - Immagine 2
Tales of Eternia - Immagine 3
Ma dimentichiamo per un istante gli abbondanti cliché narrativi che cuciono il prologo con l'epilogo e focalizziamo piuttosto l'attenzione su quel “Linear Motion Battle System” che anche qui fa la parte del leone.
Controllando Reid (o chi per lui) come fosse in un picchiaduro 2d a scorrimento daremo direttamente vita, nel corso delle frenetiche belligeranze, a parate, ad attacchi fisici con X e ad altri speciali che in quanto tali consumeranno TP (in questo caso, nella configurazione standard, il tasto verso cui rivolgere il pollice è cerchio).
Le “skill”, per quanto concerne l'eroe sopraccitato, si apprenderanno gradualmente a seconda che si affondi oppure si tagli con la lama in dotazione, mentre per Farah dipenderà da quanto si elargiranno pugni e calci.
Alternare le proprie tecniche combattive appare invero la strada da seguire, così come inanellare un alto numero di colpi sarà uno degli obiettivi principali di taluni giocatori (non solo per la soddisfazione in sé e per sé data dalle combo, ma anche per i bonus d'esperienza che queste conferiscono).
I membri del party non gestiti dal giocatore verranno affidati ad un'intelligenza artificiale pressoché efficiente cui è possibile peraltro impartire alcuni basilari consigli (bersagli sui quali concentrarsi, formazione da assumere ad inizio battaglia e via discorrendo).

Tal altri giocatori avranno invece di che lamentarsi quanto all'alta frequenza degli scontri casuali, dal canto loro sempre rapidi (una manciata di secondi per i nemici comuni, pochi minuti per quelli più ostici ed i boss) e mai frustranti (a tal proposito, comunque li si trovi, due sono le difficoltà selezionabili).
I Great Craymel (Undine, Sylph, Efreet, Gnome, Celsius e compagnia elementale) potranno poi essere evocati da Keele e Meredy e potranno altresì dar vita a nuove magie qualora combinati tra loro nelle magiche Craymel Cages in cui, al fine di salvare Inferia e Celestia, andranno a “risiedere” volontariamente.
Non mancano neppure degli enigmi (semplici, forse fin troppo), né la ricerca di lenti (una sessantina circa) e di ricette (le quali sono elargite, ovviamente, dal misterioso “Wonder Chef”).
Le pietanze, per la cui fattura è necessario possedere gli appositi ingredienti, hanno i più disparati effetti benefico-curativi, i quali spaziano dal ripristino di una determinata percentuale di HP alla purificazione di un dato malus fisico.
Da segnalare infine le sotto-storie ed i mini-giochi, quest'ultimi magari non sempre esaltanti ma che (fra le carte “WHIS”, test di conoscenza sul mondo Namco, guida di treni ed altro ancora) arricchiscono quanto basta l'esperienza ludica complessiva.
Tales of Eternia - Immagine 4
Tales of Eternia - Immagine 5
Tales of Eternia - Immagine 6
Dal punto di vista audiovisivo risulta curato e nostalgico l'intero apparato bidimensionale (benché il character design, opera di Inomata Mutsumi, non sia il più ispirato all'interno della serie), così come pregevoli appaiono ai nostri occhi i filmati formato anime dispensati (è d'altra parte più spartana la mappa 3d del mondo).
Ma l'aspetto esteticamente più debole del lavoro Namco è indubbiamente il reparto sonoro, il quale offre sì motivi musicali a tratti incalzanti, ma che, spenta la console, difficilmente produrranno ricordi (non è certo questo l'apice compositivo di Motoi Sakuraba).
Si ascolteranno poi una serie di dialoghi “recitati” in inglese o in Melnic -l'idioma Celestiano- che rasentano a nostro parere l'atonico promuovendo l'apatia piuttosto che l'immedesimazione (gli elementi parlati, comunque, possono essere messi a tacere tramite apposita opzione).

Probabilmente Tales of Eternia non è il miglior esponente dell'illustre serie in questione, nata dieci anni or sono su Super Famicom (né tanto meno, come si è visto, è un gioco privo di aspetti perfettibili).
Eppure sarebbe un compito difficoltoso negare, per chi è solito intrattenersi con titoli affini, il divertimento ed il buon numero di ore video-giocate di cui esso è tuttora garante.
Aggiungiamo il fatto che il fu Tales of Destiny II (questo il nome con cui apparve in America nel 2000, su PsOne) non è mai stato precedentemente distribuito in Europa e diciamo pure (altra lacuna colmata) che la PSP, in questo nostro continente, agognava un J-Rpg di spessore dal momento in cui è apparsa sul mercato.
Ce n'è insomma abbastanza per dirsi soddisfatti.
Tales of Eternia - Immagine 7
Tales of Eternia - Immagine 8
Tales of Eternia - Immagine 9
8
Probabilmente Tales of Eternia non è il miglior esponente dell'illustre serie in questione, nata dieci anni or sono su Super Famicom (né tanto meno è un gioco privo di difetti). Eppure sarebbe un compito difficoltoso negare, per chi è solito intrattenersi con titoli affini, il divertimento ed il buon numero di ore video-giocate di cui esso è tuttora garante. Aggiungiamo il fatto che il fu Tales of Destiny II (questo il nome con cui apparve in America nel 2000, su PsOne) non è mai stato precedentemente distribuito in Europa e diciamo pure (altra lacuna colmata) che la PSP, in questo nostro continente, agognava un J-Rpg di spessore dal momento in cui è apparsa sul mercato. Ce n'è insomma abbastanza per dirsi soddisfatti.
voto grafica8
voto sonoro6
voto gameplay8
voto durata8
0 commenti

Tales of Eternia

Tales of Eternia PSP Cover
  • Piattaforma: PSP
  • Produzione: Namco
  • Sviluppo: Namco
  • Genere: JRPG
  • PEGI: +12
  • Data di uscita: Febbraio 2006
Empire
Bright

7

Bright

Ayer ci porta in una L.A. che unisce fantasy e moderno.

The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Empire
Dragon Ball FighterZ
Dragon Ball FighterZ

Galeotta fu la beta

Playerunknown's battlegrounds

6

Playerunknown's battlegrounds

Qualche ora in compagnia della versione Xbox One!

Gamdias HEBE M1 RGB
Gamdias HEBE M1 RGB

Gamdias ci vizia con un ottimo headset

Gamdias Zeus P1
Gamdias Zeus P1

In barba al signore dell'Olimpo

Doom VFR
Doom VFR

Preparatevi a trasferire la vostra coscienza in un cyborg