Recensione Super Lucky's Tale

Una volpe per amica
Roberto Vicario Di Roberto Vicario

Per coloro che amano i platform game, questo è letteralmente un periodo d’oro. Titoli come Cuphead e Super Mario Odyssey, hanno dimostrato a chiare lettere la potenza ludica di questo genere che spesso, e con troppa facilità, viene accantonato in favore di formule di gioco meno datate.

Alla festa si aggiunge anche la simpatica volpe Lucky, protagonista di Super Lucky’s Tale, “seguito” di quel Lucky’s Tale che sfruttava la realtà virtuale. Microsoft si fa quindi carico di un nuovo titolo platform che, a differenza di Cuphead, punta sul 3D e sul 2.5D.

Super Lucky's Tale - Immagine 1

Un libro che ti rapisce

La storia ricalca abbastanza fedelmente quelle narrazioni tipiche dei giochi Rare nel periodo Nintendo 64. Dopo un atterraggio di emergenza, Lyra - sorella di Lucky - può finalmente mettersi a studiare il magico “libro delle ere”. A rompere le cosiddette uova nel paniere ci pensa però “la cucciolata”, una temibile banda di gatti interessata proprio al libro.

Nella baruffa il libro si apre e Lucky insieme alla banda viene risucchiata al suo interno. Il tomo catapulta in un universo parallelo i protagonisti e antagonisti di questa avventura, e la nostra volpe dovrà affrontare i quattro mondi per poter sistemare le pagine del libro.

Da questo spunto narrativo si articolano i quattro hub all’interno dei quali sono contenuti dei portali che trasportano il giocatore all’interno dei vari mondi di gioco. Ognuno di questi contiene quattro quadrifogli (le stelle di Mario, per intenderci) che serviranno per sbloccare boss fight e nuovi livelli.

Super Lucky's Tale - Immagine 2

Questi sono strutturati prendendo ispirazione dai già citati titoli Rare per quanto riguarda quelli 3D, e da titoli come Donkey Kong o gli stessi Mario bidimensionali. Sebbene l’ispirazione lasci presagire ottimi spunti di partenza, la realizzazione finale lascia un pochino delusi. Il level design è infatti abbastanza basico e difficilmente troverete, nel corso dell’avventura, spunti che rimarranno impressi nella vostra mente, se non particolari citazioni come la necessità di dover raccogliere delle lettere per completare una parola e ottenere un quadrifoglio.

A questo si aggiungo inoltre delle imprecisioni che non possono più essere accettate in un platform moderno. La prima riguarda una telecamera non proprio fluidissima da gestire, con una rotazione semi-obbligatoria che spesso lascia al giocatore inquadrature tutt’altro che perfette. A questo si aggiunge poi un secondo elemento che è forse più impattante del primo: le animazioni.

Lucky è in grado di utilizzare la coda come arma, infilarsi sottoterra e ovviamente saltare. Purtroppo le animazioni e l’input dei comandi non è appagante, e più di una volta ci è capitato di avere grosse difficoltà nel calcolo delle distante e nella concatenazione di alcune mosse. Niente di esagerato, ma comunque una presenza fastidiosa.

Super Lucky's Tale - Immagine 3

Un mondo colorato

Un titolo grezzo che però, scavando in profondità, fa solamente salire il rammarico. Di fatto alcuni spunti presenti sono molto interessanti, a partire da un design grazioso, colorato e molto vicino al concetto di cartoon Pixar. A questo si aggiungono dei modelli poligonali piacevolissimi e in grado di trasmettere una buona dose di carisma.

C’è un retrogusto amaro all’interno di questo Super Lucky’s Tale, di quelli che ti fanno capire che con un pizzico di impegno in più si poteva davvero avere la risposta di Microsoft ad una serie di personaggi che hanno consolidato la loro immagine sulle console rivali.

D’altronde è abbastanza palese che la casa di Redmond abbia investito tempo e denaro su questo titolo, e ci abbia creduto fino in fondo. Lo testimonia, ad esempio, una completa localizzazione in italiano, voce di Lucky compresa.

Tuttavia ,se siete amanti del genere e siete a corto di titoli su Xbox One - oppure in piena astinenza da Cuphead - provate a dargli una chance. Se riuscirete a scendere a patti con i difetti sopra descritti, tra le mani potrebbe rimanervi un diamante grezzissimo, che nasconde indubbie qualità, ma deve ancora mostrare il suo reale valore…con magari una maggiore attenzione durante le fasi di sviluppo.

Super Lucky's Tale - Immagine 4

 

 

6,5
A Super Lucky's Tale diamo un voto che più che una bocciatura è un incoraggiamento. Facendo un paragone con la scuola, la volpe di Microsoft è il classico alunno dalle grandi potenzialità che però non ha voglia di applicarsi. Le basi ci sono, così come alcuni spunti interessanti emersi da questo primo titolo. Alla grande M diciamo di non fermarsi qui, e di dare fiducia ad un team di sviluppo che, se sarà in grado di fare tesoro delle critiche ricevute, potrà regalarci giochi davverro validi in futuro. In bocca al lupo.
voto grafica7
voto sonoro7
voto gameplay5,5
voto durata6

Super Lucky's Tale

Disponibile per: Xbox One , PC
Super Lucky's Tale Xbox One Cover
  • Piattaforma: Xbox One
  • Produzione: Microsoft
  • Sviluppo: Playful Corp.
  • Genere: Platform
  • Multiplayer Locale: Assente
  • Multiplayer Online: Assente
  • PEGI: +3
  • Data di uscita: 7 Novembre 2017
Empire
Piccole Grandi Bugie
Piccole Grandi Bugie

Il (deludente) DVD di una serie che racconta tante verità

X-Files
X-Files

Al via l'undicesima stagione

The Assassination of Gianni Versace
The Assassination of Gianni Versace

Abbiamo visto in anteprima la prima puntata della serie TV

Bright

8

Bright

Ayer ci porta in una L.A. che unisce fantasy e moderno.

The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

Empire
Fe (Videogioco)
Fe (Videogioco)

Azione e sentimento contro il freddo metallo

Bayonetta 2

2

Bayonetta 2

Bayonetta e Bayonetta 2 sbarcano su Nintendo Switch!

Sid Meier's Civilization VI: Rise and Fall
Sid Meier's Civilization VI: Rise and Fall

Le opportunità si moltiplicano mentre vengono colte

Kingdom Come: Deliverance

21

Kingdom Come: Deliverance

La difficile vita di un uomo qualunque nel Medioevo

Dragon Quest Builders

3

Dragon Quest Builders

Cosa succede quando il titolo Mojang incontra un brand come Dragon Quest?