Recensione Star Trek Beyond

Uno spettacolare nuovo episodio per la saga

Di Valerio De Vittorio
Attorno alla proiezione in anteprima di Star Trek Beyond, per la quale siamo volati fino a Los Angeles, vi era un alone di malinconia. La morte di Leonard Nimoy prima e la prematura scomparsa per un incidente del giovanissimo Alton Yelchin sono fatti difficili da scrollarsi di dosso mentre calano le luci in sala. Ma sono bastati pochi minuti in compagnia del mitico equipaggio dell'Enterprise per farsi assorbire e trasportare ancora una volta là dove nessuno è mai giunto prima.

Capitano in crisi

L'incipit della pellicola ci mostra l'Enterprise a metà della sua missione esplorativa, della durata prevista di 5 anni. Il Capitano Kirk col suo diario di bordo ci racconta un equipaggio ligio al proprio dovere, ma provato dalla lunga permanenza nello spazio. Presto però l'apparente monotonia della missione verrà interrotta dal contatto con una nave sconosciuta, apparentemente rimasta naufraga assieme al suo capitano dopo uno scontro in una remota nebulosa. L'Enterprise è l'unica nave in grado di avventurarsi in questi territori ancora inesplorati, ma appena giunti a destinazione, Kirk ed il suo equipaggio scopriranno una nuova minaccia letale, che li coglierà di sorpresa, riducendo a brandelli la nave e dividendone l'equipaggio che si rifugerà su un pianeta sconosciuto.
La sceneggiatura di Simon Pegg è misurata e perfetta per celebrare i 50 anni di Star Trek


Troveremo i nostri protagonisti separati ed accoppiati in modo anomalo. Un'occasione perfetta per dedicare del tempo allo sviluppo di nuove interazioni, tra cui sicuramente spicca quella tra Spock e Mccoy, protagonisti di alcuni dei momenti più riusciti del film. Il nemico responsabile degli attacchi è il misterioso Krall, interpretato da Idris Elba, reso irriconoscibile da tonnellate di trucco e protesi. Nonostante un ingresso in grande stile, il suo apporto alla pellicola diviene subito marginale e risulta uno degli aspetti meno convincenti di Star Trek Beyond. Per quanto riguarda la trama non vogliamo raccontarvi altro, ma possiamo dirvi che se l'arco principale, soprattutto nella seconda metà, non riservi particolari sorprese, è nel dare il giusto spazio ai personaggi e alle loro interazioni che dimostra un grande equilibrio, per quanto non ci sia spazio per tutti, sfortunatamente.

Questione di equilibri

Nonostante il Sulu di John Cho sia protagonista della famigerata rivelazione riguardo al suo orientamento sessuale, risolta con una scena che tratta l'argomento con estrema normalità, della durata sì e no 5 secondi, il minutaggio a sua disposizione, così come per Uhura, è davvero molto limitato.
Questo è stato occupato dai già citati Spock e McCoy, ma anche da un nuovo personaggio: la misteriosa e combattiva aliena Jaylah, interpretata da Sophia Boutella, che forse ricorderete per la sua interpretazione in Kingsman. I suoi scambi di battute con Scotty (Simon Pegg) sono memorabili e speriamo vivamente di vederla entrare attivamente nel cast dei prossimi film. E a proposito di cast, con questa terza pellicola si confermano riuscitissime le scelte svolte ormai 7 anni fa, ogni attore è semplicemente perfetto nel suo ruolo e vederli all'opera è davvero un piacere.
Prendere le redini del progetto di J.J. Abrams non ha per nulla intimorito Justin Lin, che dietro la macchina da presa si dimostra abile nel destreggiarsi tra sequenze d'azione impressionanti e momenti più intimi. Spiccano due scene davvero spettacolari, coreografate e girate con grandissima abilità. Insomma, Star Trek Beyond ci ha convinto e lo premiamo senza remore. Certo, l'essere “autoconclusivo” e senza un arco narrativo che scombini più di tanto le carte in tavola, come invece faceva il precedente Into Darkness, rende la pellicola più leggera, ma l'intrattenimento è assicurato, gli attori sono perfettamente a loro agio e la sceneggiatura emoziona, con momenti divertenti ed altri più intensi. Peccato anche per il villain poco incisivo.

Una nota finale la dedichiamo al compianto Alton Yelchin, scomparso alla prematura età di 27 anni. Vederlo recitare sul grande schermo ci ha emozionato e commosso, per la sua bravura e per la triste consapevolezza che non accadrà più. Simon Pegg, nello scrivere la sceneggiatura, si è anche concesso qualche piccolo omaggio alla saga originale e a Nimoy, che vi lasciamo il piacere di scoprire.
Star Trek Beyond non stupisce con scelte particolarmente coraggiose, ma convince e diverte. Dedicato a fan vecchi e nuovi, il film intrattiene con momenti esilaranti ed altri più toccanti, sapendo dosare con precisione sequenze d'azione eccellenti e adrenaliniche con altre più intime. Memorabili gli scambi di battute tra Scotty e la nuova arrivata Jaylah, così come le interazioni tra Spock e Mccoy. L'assortimento inedito dei protagonisti ha permesso di portare su schermo delle alchimie inedite, a tutto vantaggio dello spettacolo. Peccato che l'arco narrativo principale non abbia molto mordente, così come il cattivo interpretato da Idris Elba, davvero sotto sfruttato. Ad ogni modo, Star Trek Beyond è consigliato senza riserve.

Star Trek Beyond

Star Trek Beyond Cover
  • Regia: Justin Lin
  • Produzione: Skydance Productions, Bad Robot, Paramount Pictures
  • Nazionalità: America
  • Distributore: Universal Pictures
  • Sceneggiatura: Simon Pegg, Doug Jung
  • Genere: Fantascienza, Azione
  • Data di uscita: 21 Luglio 2016
  • Cast: Chris Pine, Zachary Quinto, Zoe Saldana, Simon Pegg, Karl Urban, Sofia Boutella, Anton Yelchin, John Cho, Joseph Gatt
Empire
Stranger Things

2

Stranger Things

Anni '80, tensione e paura. Vi raccontiamo la serie rivelazione rilasciata da Netflix!

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Season Finale - The Winds of Winter

Il Trono di Spade

5

Il Trono di Spade

Recap Episodio 6x09 - Battle of the Bastards

Empire
Independence Day: Rigenerazione

3

Independence Day: Rigenerazione

Umani vs alieni... venti anni dopo!

I Magnifici Sette

1

I Magnifici Sette

Fuqua ci fa riscoprire il genere western!

Pets - Vita da Animali

1

Pets - Vita da Animali

Cosa fanno i nostri animali quando li lasciamo soli?

Fuck you, prof! 2

1

Fuck you, prof! 2

Il professor Muller è tornato!

Trafficanti

Trafficanti

Phillips ci raccontata il lavoro dei trafficanti...a modo suo.