Recensione Scribblenauts Showdown

Andrea Casetti Di Andrea Casetti

La serie Scribblenauts, nel periodo 2009-2013, era riuscita a sorprendere il pubblico grazie a un gameplay sorprendente, capace di unire una meccanica di base in puro stile platform all’intuizione di far apparire dal nulla oggetti utili per risolvere gli enigmi che man mano si frapporranno tra voi e il vostro obiettivo. Se a tutto ciò aggiungiamo le molteplici possibilità di risoluzione dei rompicapi, spesso portando a soluzioni assurde, si capisce come la sensazione di avere trovato un buon mix sia più che motivata.

Dopo un lustro di silenzio accogliamo finalmente l’approdo della serie sulle console di ultima generazione con  questo Scribblenauts: Showdown, il quale tuttavia non rappresenta la naturale continuazione del filone iniziato sulle console Nintendo, bensì si tratta di un cambio di rotta repentino verso il genere party game.

Scribblenauts Showdown - Immagine 1
Qui ve la dovrete vedere con le classiche pignatte

Tre modalità

Scribblenauts Showdown è organizzato in tre differenti modalità: Versus, Resa dei Conti e Showdown.

La modalità Versus è una sorta di duello in cui ci si confronta su una serie di minigiochi, i quali si suddividono tra Parole e Velocità.

Nei primi viene estratta una lettera che determinerà l’iniziale degli oggetti da evocare, appartenenti a una certa categoria di oggetti. Starà a voi indicare una delle oltre 30mila parole presenti nel gioco al fine di aggiudicarvi la sfida. L’idea è funzionale, ma spesso e volentieri la scelta della parola non porterà a risultati coerenti al confronto delle parole, minando quindi l’aspetto strategico del gioco.

I secondi, invece, sono tipicamente prove di abilità in cui dovrete esibirvi con azioni ripetute di tortura nei confronti del joypad che andranno a simulare circostanze come ad esempio l’abbattimento di una pianta a mezzo di un accetta piuttosto che altre situazioni simili e altrettanto ripetitive.

Alla ricerca di starite

Resa dei Conti altro non è che una sorta di gioco da tavolo in cui il giocatore si confronta con un fino a tre amici (o l’AI) per raggiungere la casella che rappresenta l’obiettivo. A disposizione dei giocatori ci saranno delle carte che porteranno i contendenti a sfidarsi in uno dei minigiochi. Il vincitore otterrà una ricompensa come il poter effettuare passi in avanti, far retrocedere il nemico oppure ottenere altre carte.

Scribblenauts Showdown - Immagine 2
Anche la più innocua ambientazione rurale nasconde le sue insidie

La terza modalità, infine, ripropone i fasti del passato che hanno reso la serie appetibile, anche se in misura ridotta. All’interno di una delle (sole) otto ambientazioni, dovrete cercare indizi per poter interagire nel modo opportuno con gli altri NPC, i quali tuttavia non comunicano. Starà a voi intuire il metodo per risolvere gli enigmi che vi si staglieranno di fronte, e spesso e volentieri si riveleranno talmente assurdi da richiedere l’impiego di  un suggerimento, al costo di parte del compenso totale che andrete a fare vostro (la solita Starite, la moneta del gioco che potrete impiegare per acquistare alcuni dei collezionabili, anche se sono poco più che un semplice elemento cosmetico).

Multiplayer

La particolarità di questa modalità risiede nella possibilità di poter giocare in cooperativa, anche se per la natura del gioco spesso e volentieri ci si ritrova in un tutti contro tutti a devastare l’intera ambientazione (avrete comunque la possibilità di ripristinare la condizione iniziale dell’ambientazione qualora aveste calcato troppo la mano).

Il tutto sembrerebbe funzionare, se non fosse per la pochezza generale di contenuti: 12 sono i minigiochi Parole, 15 quelli appartenenti alla categoria Velocità. Se consideriamo che per completarli bastano pochi minuti, si può comprendere immediatamente come bastino una manciata di ore per provare tutto il provabile di questo gioco, dopodichè la noia si affaccerà inesorabilmente.

Dal punto di vista tecnico il gioco si rivela discreto, esibendosi in uno stile cartoonesco fatto di personaggi bidimensionali che sembrano fuoriuscire da un fumetto, il tutto aggravato da qualche ingiustificabile calo di frame rate.

Le musiche, dal canto loro, fanno il loro lavoro nell’accompagnare l’azione con melodie azzeccate ed allegre, ma nulla più.

Scribblenauts Showdown - Immagine 3
Qualcosa mi suggerisce che non era l'opzione migliore

5,5
Scribblenauts Showdown esordisce su Xbox One con una produzione che si discosta dal genere platform che ha reso grande la serie, per intraprendere invece la strada party games proponendo tre modalità che tuttavia non riescono a convincere a fondo, essendo un semplice surrogato di quanto di geniale proposto dagli antenati una decina di anni fa, il tutto ulteriormente minato da una pochezza di contenuti estrema. Peccato.
voto grafica6,5
voto sonoro7
voto gameplay6
voto durata5

Scribblenauts Showdown

Scribblenauts Showdown Xbox One Cover
Empire
I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Se siete amanti di Lynch non dovete perdere questo gioiello

Una Serie di Sfortunati Eventi
Una Serie di Sfortunati Eventi

Le avventure degli orfani Baudelaire continuano

Marvel's Jessica Jones
Marvel's Jessica Jones

Cinque episodi per una storia da raccontare

The Walking Dead
The Walking Dead

Abbiamo visto in anteprima la 8x09

Piccole Grandi Bugie
Piccole Grandi Bugie

Il (deludente) DVD di una serie che racconta tante verità

Empire
Hearthstone: Heroes of Warcraft
Hearthstone: Heroes of Warcraft

Nuova espansione, nuove carte da giocare

Masters of Anima
Masters of Anima

Salva la cheerleader, salva il mondo

God Of War (PS4)

17

God Of War (PS4)

Kratos come non lo avete mai visto!

Titan Quest
Titan Quest

Un vecchio mito su PC ritorna su console next gen

Extinction
Extinction

Un Attack on Titan in salsa occidentale? Non proprio..