Recensione PokÚmon Sole e Luna

I PokÚmon si rifanno il trucco per il loro ventennale
Roberto Vicario Di Roberto Vicario
Siamo arrivati alla settima generazione signori; con la nuova “wave” di PokÚmon introdotti da Sole & Luna, il numero di mostriacciatoli da catturare viene ulteriormente rimpolpato, per la felicitÓ di tutti i pokÚallenatori sparsi sulla terra. Un capitolo che, a distanza di ben vent'anni dal format originale, rompe definitivamente gli equilibri apportando profondi cambiamenti in termini estetici, di design e soprattutto struttura di gioco.
PokÚmon Sole e Luna
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 200220
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198009
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198008
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198007
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198006
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198005
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198004
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198003
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198002
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 198001
Un cambiamento netto e che, pur non dimenticando le solide radici del passato, proietta il franchise in un futuro che sembra pi¨ splendente del caldo sole di Alola; ma cosa dobbiamo aspettarci da questo nuovo PokÚmon? Scopriamolo nella nostra recensione.

Alola splende per tutti noi

Parlavamo di capitolo di rottura, di profondi cambiamenti e di passi in avanti. Lo si percepisce in Sole & Luna sin dal principio della nostra nuova avventura. Il nostro protagonista arriva nello splendido arcipelago in cui Ŕ ambientato il titolo, un conglomerato di quattro colorate e calorose isole che ricordano, neanche troppo velatamente, le splendide isole Hawaii.

Qui verremo subito indicati come una promessa, e il nostro compito sarÓ quello di completare il cammino degli allenatori chiamato “giro delle isole”. Sulla strada per diventare una leggenda troveremo per l'appunto 4 isole - ognuna con il rispettivo Kahuna da sconfiggere - e sette prove di abilitÓ che comprendono piccolissimi puzzle e tanto combattimento.

All'interno di questo percorso si innestano personaggi che fanno il loro ritorno come comparse, nuovi allenatori di cui faremo la conoscenza e ovviamente un nuovo gruppo di cattivi che proverÓ a metterci i bastoni tra le ruote. Una struttura che all'apparenza ricorda quella dei precedenti episodi, ma che qui trova una maggiore complessitÓ narrativa, una presenza di piacevolissime cut scene che spezzano le parti di gioco in maniera perfetta e soprattutto un incedere narrativo realmente tangibile, in grado di tenere conto dell'evoluzione dei vari personaggi.
In tutto questa la regione di Alola Ŕ co-protagonista assoluta di questa magica avventura, grazie alla sua coerenza e soprattutto ad un motore grafico che finalmente regala profonditÓ e dettagli agli ambienti di gioco, regalandoci scorci apprezzabili e location decisamente suggestive. Motore grafico che, pur mostrando qualche affanno in termini di frame rate nelle fasi pi¨ concitate, Ŕ stato sfruttato in maniera alquanto valida dagli sviluppatori per caratterizzare i nuovi pokÚmon, ma anche i protagonisti del gioco che godono di una quantitÓ di dettagli infinitamente maggiore se paragonati a qualsiasi capitolo del passato.

Quanto vi abbiamo appena raccontato Ŕ possibile grazie - e soprattutto - alla rottura dei pi¨ volte citati equilibri; via le palestre ad esempio (che scandivano, quasi fossero capitoli, le varie fasi dell'avventura) e spazio ad un'evoluzione narrativa pi¨ articolata e - soprattutto sul finale - appassionante.

Capitolo longevitÓ: il titolo offre una curva crescente di difficoltÓ. L'inizio della storia spiazza per la palese facilitÓ con cui si avanza, salvo poi, specialmente sul finale, diventare decisamente pi¨ tosto. Il gioco offre quindi una campagna piuttosto succulenta e sostanziosa, impreziosita da un end game alquanto piacevole e stimolante. A questi elementi poi, soprattutto se siete “pro” player di PokÚmon, dovrete sommare le (tante) ore spese per trovare gli abbinamenti di stato e natura perfetti o lo studio di IV ed EV per non sfigurare con gli altri super allenatori.
Un cambiamento netto e che, pur non dimenticando le solide radici del passato, proietta il franchise in un futuro che sembra pi¨ splendete del caldo sole di Alola
Introdotto il discorso tecnico del titolo, tante vale concluderlo parlandovi della componente audio del gioco. Dopo diversi anni di litanie un po troppo ripetitive, anche la colonna sonora sembra essersi incanalata con prepotenza in questo filone di forte rinnovamento. Musiche finalmente simpatiche e perfettamente in linea con quanto accade su schermo. Il gioco ovviamente non ha dialoghi doppiati, ma Ŕ comunque completamente tradotto in lingua italiana.

Una struttura rinnovata

I cambiamenti non riguardano solamente la componente estetico/narrativa ma vanno ad intaccare profondamente il gameplay. La struttura Ŕ sempre quella, basata sulla cattura di nuovi esemplari e combattimenti a turni tra loro, ma a cambiare sono tanti, piccoli, dettagli che abbiamo trovato azzeccati e funzionanti nell'economia del gioco.

Tutto Ŕ mosso nell'ottica di semplificare la vita all'allenatore: le statiche sono pienamente visibili, cosý come i bonus e malus e l'efficacia delle nostre mosse sul mostriciattolo avversario (a patto per˛ di avere la sua voce enciclopedica all'interno del nostro pokedex). Una scelta intelligente vista la mole imponente di specie presenti nella regione: circa 300 provenienti da tutte le generazioni finora uscite.
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 1
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 2
PokÚmon Sole e Luna - Immagine 4
Dopo l'esperimento (riuscito) delle mega evoluzioni, spazio alle mosse Z; in sostanza si tratta di cristalli legati a classi e mosse specifiche, e che vengono assegnati ai PokÚmon. Questi si ritrovano cosý una mossa o pi¨ mosse base in versione potenziata in grado di rompere le difese e fare danni decisamente pi¨ ingenti. La componente strategica sta ovviamente nel momento in cui attivare queste mosse, dato che sono one shot all'interno di un scontro.

Questa non Ŕ l'unica novitÓ ma Ŕ accompagnata anche dalla nuova forma “alola” di alcuni pokÚmon giÓ esistenti, cosý, giusto per fare un esempio, un classico Rattata cambia colore e da normale diventa oscuro. Infine, ma sicuramente, non meno importante la totale cancellazione delle mosse MN in favore di soluzioni decisamente pi¨ logiche e che ovviamente non obbligano pi¨ l'allenatore di turno a tenere slot di mosse occupate dalle MN all'interno del proprio party.

Pensate sia tutto? Invece no! Gli sviluppatori hanno, infatti, snellito e ripensato anche alcuni elementi che, nell'economia di quanto abbiamo descritto sino ad ora, ci hanno davvero convinto. Parliamo ad esempio delle Battle Royal 4 contro 4, decisamente casuali per le routine della IA ma incredibilmente divertenti; oppure delle forme dominanti di alcuni PokÚmon, versioni potenziate di alcune specie decisamente pi¨ toste con la facoltÓ di poter chiamare all'interno della battaglia nuovi alleati (funzione presente per tutti i pokÚmon selvatici, ma con meno chance di riuscita).

Infine, ma non per questo meno importante, la parte pi¨ ruolistica del gioco che pone l'accento sul legame tra pokÚmon e allenatore. Tra uno scontro e l'altro si potranno coccolare i nostri mostriciattoli per aumentare l'intesa (attraverso anche a dei pokÚgioli) e soprattutto far salire determinate statiche o migliorare la possibilitÓ di curare stati.
NovitÓ, infine, anche per la parte pi¨ “social” del gioco, grazie al PokÚresort e Festiplaza. Il primo Ŕ una sorta di rimpiazzo della vecchia pensione. Qui i nostri pokÚmon non impegnati nella lotta potranno trovare ristoro, conoscere nuovi amici, trovare oggetti e altro ancora. Diverso, invece, il discorso riguardante l'hub online. In Festiplaza avremo infatti la possibilitÓ di incontrare altri allenatori, sfidarli e scambiarci oggetti. Inoltre, sempre all'interno di questo polo di incontri, sarÓ possibile spendere la moneta “locale” chiamata festigettoni per partecipare a dei simpatici mini giochi oppure per comprare oggetti difficilmente rintracciabili da altre parti. Per coloro che sono restii alla connessione online, la modalitÓ offre la possibilitÓ di cimentarsi comunque in queste attivitÓ grazie a dei BOT che andranno, automaticamente, a popolare l'area.

Visto che molti fan se lo staranno sicuramente chiedendo, chiudiamo la nostra recensione parlandovi dell'estetica di questa nuova wave generazionale di pokÚmon; pur non avendo avuto la possibilitÓ di osservarli tutti nel corso della nostra prova, possiamo dirvi che siamo pi¨ che mai soddisfatti di questa rinnovata verve estetica, con esemplati davvero ben riusciti e convincenti, a partite sin dai tre nuovi starter.
9
Caso vuole che, per festeggiare il ventennale dei loro mostriciattoli, The PokÚmon Company ha deciso di rinnovare profondamente il suo brand; un cambiamento riuscito alla perfezione, e che porta all'interno di Sole & Luna una ritrovata verve innovativa che va a toccare tutti gli elementi fondamentali della struttura di gioco. Una ventata d'aria fresca che vi porterÓ ad amare letteralmente la regione di Alola e tutte le creature che la popolano.
voto grafica9
voto sonoro8
voto gameplay9,5
voto durata9

PokÚmon Sole e Luna

PokÚmon Sole e Luna 3DS Cover
  • Piattaforma: 3DS
  • Produzione: Nintendo
  • Sviluppo: The pokÚmon Company
  • Genere: JRPG
  • Multiplayer Locale: Presente
  • Multiplayer Online: Presente
  • PEGI: +7
  • Data di uscita: 23 Novembre 2016
Empire
Castlevania
Castlevania

Un'icona del gaming sbarca su Netflix. SarÓ vera gloria?

I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Sense8

1

Sense8

I Sense8 sono tornati

Empire
Heroes of the Storm
Heroes of the Storm

Alexei Stukov Ŕ il nuovo eroe del Nexus!

Splatoon 2
Splatoon 2

Si torna a colorare anche su Switch!

Last Day of June
Last Day of June

L'ultima fatica di Ovosonico possiede un'anima candida e un gameplay pi¨ che intelligente.

Le novitÓ Nintendo dell'E3 2017

1

Le novitÓ Nintendo dell'E3 2017

Abbiamo provato tutta la lineup E3 di Nintendo

Sound BlasterX Siege M04
Sound BlasterX Siege M04

Dall'audio d'eccezione ai mouse gaming .. in un solo click!