Recensione New York Academy

Niente di nuovo in accademia.
Francesca Perozziello Di Francesca Perozziello
Correva l'anno 1980 quando usciva nei cinema Fame, conosciuto in Italia come Saranno Famosi.
Il film diretto da Alan Parker ha davvero gettato le basi per un filone che sembra destinato a non doversi mai esaurire, quello dell'aspirante ballerino-cantante-attore che spera di trovare in una prestigiosa accademia la chiave per il proprio successo.

E se Fame è entrato nella storia del cinema, lo stesso non si potrà dire per le numerose pellicole che, da anni, cercano di riprodurne personaggi e situazioni, pur mancando di un'originalità di fondo.
New York Academy, ahimè, non esce dal tracciato. Frastornati da i vari Step Up, A time for dancing e soci, sembra davvero difficile trovare un prodotto che porti qualcosa di innovativo alla causa della danza e della musica.
Scritto da Michael e Janeen Damian, il film è vagamente ispirato alle vicende reali dei due sceneggiatori. La componente biografica poteva essere un ottimo punto di partenza, ma purtroppo la trama non si discosta molto da altre vicende già viste e sentite.
New York Academy - Immagine 1
Danza classica e hip hop metropolitano si fondono nella New York di chi sogna il successo.
Johnnie, un ragazzo inglese giunto da poco negli Stati Uniti, si guadagna da vivere suonando il violino in metropolitana ma spera di ottenere la green card per rimanere a New York. Il suo incontro con Ruby, promettente ballerina che e' appena stata ammessa in un prestigioso conservatorio, apre una nuova prospettiva nella vita del ragazzo.

Come in ogni film sentimentale che si rispetti, i due provengono da contesti culturali molto diversi: Ruby è infatti circondata da ragazzi di buona famiglia che rasentano lo snobismo, mentre Johnnie guadagna a fatica i soldi necessari per pagare l'affitto.
Nonostante le pregevoli coreografie, il film si mostra fin da subito come un insieme male amalgamato di quadretti separati. Due percorsi di formazione paralleli (Ruby e Johnnie), l'immancabile coinquilina che non vuole mettere la testa a posto, il cattivo di turno e persino i professori finto-severi. Insomma, New York Academy è un calderone di personaggi, stereotipi e situazioni già viste e riviste, in cui il Sogno Americano ci ricorda ancora una volta che "volere e' potere", specialmente se hai la fortuna di passare per la Grande Mela e di incontrare qualcuno che creda in te.
New York Academy - Immagine 3
Keenan Kampa, alias Ruby, è una vera ballerina di danza classica.
Un vero peccato, se pensiamo che la protagonista, Keenan Kampa, è una vera ballerina di danza classica e può vantare un curriculum artistico di tutto rispetto. Accanto a lei troviamo invece Nicholas Galitzine, giovane interprete inglese che sta conquistando le fan a un ritmo vertiginoso.
A fare da sfondo ai due innamorati c'è uno stuolo di amici, i ballerini di hip-hop che con pochi soldi e tanta passione sperano in un futuro migliore, sempre sulla solita scia del "qui si può avverare tutto".
Altra occasione sprecata per la brava Sonoya Mizuno, attrice e ballerina che abbiamo già visto in Ex Machina nei panni di Kyoko. L'interprete britannica di origini giapponesi viene qui relegata al ruolo di una confusionaria coinquilina dotata di grande talento ma molto incostante.

Anche fra i docenti dell'Accademia non mancano gli stereotipi. Jane Seymour, che qui vediamo quasi in un cameo, dovrebbe essere una severa insegnante di danza moderna, ma il film scorre in maniera così superficiale da non darle il tempo di fare fino in fondo la sua parte. Gli sceneggiatori, lasciandosi prendere la mano dal melodrammatico, hanno inserito l'immancabile anziano docente sopravvissuto ai campi di concentramento, un personaggio dal vago accento russo che insegna a Ruby come portare in scena il sentimento al posto della tecnica.

New York Academy è sicuramente un buon prodotto dal punto di vista dell'intrattenimento, anche grazie a musiche e coreografie. Purtroppo, il gran numero di stereotipi non consente alla pellicola di spiccare il volo e di uscire dal recinto del film adolescenziale.
New York Academy - Immagine 4
Nicholas Galitzine, giovane interprete inglese, sta conquistando velocemente le fan.
In bilico fra Step Up e Saranno Famosi, il film non apporta davvero niente di nuovo alla causa della musica o della danza. Anche le scene di ballo, sicuramente pregevoli, risultano inserite in un contesto che sa troppo di dramma sentimentale condito con il solito, immancabile Sogno Americano.

New York Academy

New York Academy Cover
  • Titolo Originale: High Strung
  • Regia: Michael Damian
  • Produzione: Riviera Films, Sforzando Productions, Castel Film Studio
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Eagle Pictures
  • Sceneggiatura: Michael Damian, Janeen Damian
  • Genere: Musicale, Sentimentale
  • Durata: 96 min.
  • Data di uscita: 18 Agosto 2016
  • Cast: Keenan Kampa, Nicholas Galitzine, Jane Seymour, Sonoya Mizuno
Empire
Piccole Grandi Bugie
Piccole Grandi Bugie

Il (deludente) DVD di una serie che racconta tante verità

X-Files
X-Files

Al via l'undicesima stagione

The Assassination of Gianni Versace
The Assassination of Gianni Versace

Abbiamo visto in anteprima la prima puntata della serie TV

Bright

8

Bright

Ayer ci porta in una L.A. che unisce fantasy e moderno.

Empire
Red Sparrow: L'arte dell'inganno
Red Sparrow: L'arte dell'inganno

L'arte della seduzione tra spie

Black Panther

5

Black Panther

Ci voleva un Wakanda per cambiare la Marvel

Ore 15:17 - Attacco al Treno
Ore 15:17 - Attacco al Treno

Una nuova storia di eroi comuni

The Cloverfield Paradox

3

The Cloverfield Paradox

Nello spazio si vive di paradossi

L'ora più Buia

1

L'ora più Buia

Un ritratto esclusiva della figura di Churchill