Recensione NBA Playgrounds

Il basket arcade è tornato di moda!
Roberto Vicario Di Roberto Vicario

C’è stato un tempo in cui gli sportivi arcade erano più giocati dei tanti simulativi che oggi possiamo trovare sul mercato. La ricerca della perfezione tecnica, del meticoloso gesto tecnico o delle dinamiche che realmente governano uno sport, erano messe in un cassetto a favore invece di un’azione più immediata, diretta e sicuramente efficace.

Parlando di basket, come in questo caso, è impossibile non citare uno dei capisaldi storici di questo genere, quel NBA Jam uscito nell'ormai lontano 1993 che catalizzò l’attenzione di tantissimi appassionati. Dopo una riedizione discretamente riuscita, è tempo di NBA Playgrounds, un titolo che recupera in tutto e per tutto lo stile e la filosofia di quel prodotto. Basterà? scopriamolo insieme!

NBA Playgrounds - Immagine 1

Bummm sha…ah no!

Come dicevamo, lo stile è quello che molti di voi hanno avuto modo di apprezzare e soprattutto consumare, tanti anni fa: partite due contro due, senza regole, senza falli e con animazioni esagerate e completamente arcade. Le squadre non sono fisse e all'interno del campetto è possibile creare alleanze tra giocatori di franchigie differenti e persino con giocatori storici con Iverson, Pippen ecc.

I giocatori vengono “trovati” attraverso un sistema di “sbustamento” carte simile a quello di FIFA e tanti altri titoli ormai sul mercato. Ogni giocatore gode delle sue statistiche per attacco e difesa. Creare un team bilanciato può essere un'ottima mossa per prevalere, ma all'atto pratico dobbiamo ammettere di non essere rimasti particolarmente colpiti dalle differenze che si percepiscono in campo.

Parlando sempre di quello che succede nei campetti di periferia proposti dal gioco, è bene fare un piccolo approfondimento sul gameplay. Il gioco offre un sistema di passaggio e di tiro abbastanza semplice, in cui però l’imprecisione e la poco chiarezza delle tempistiche di tiro, almeno all'inizio, possono smarrire un pochino. Una volta presa confidenza con il sistema di controllo diventerete delle macchine da guerra, soprattutto nei tiri da 3 e nelle schiacciate. Ed è proprio qui che sta la più grande lacuna del titolo, una ripetitività di fondo fin troppo marcata, influenzata anche e soprattutto da un'intelligenza artificiale che lascia troppo spazio al giocatore, con delle routine davvero poco efficaci.

Sul versante profondità si poteva e si doveva fare quindi un po di più, con le uniche varianti date dalla barra della stamina (che se esaurita rallenta momentaneamente i vostri atleti) e quella dei power-up che, una volta attivati, danno bonus sui tiri oppure sull'azione stessa per un breve lasso temporale. Niente di impattante, ma comunque un aggiunta gradevole e pienamente in filosofia con la natura del titolo.

NBA Playgrounds - Immagine 2

World Tour!

Parlando di modalità, anche in questo caso, non possiamo essere pienamente soddisfatti del lavoro svolto dai ragazzi di Saber Interactive. Nella versione che attualmente potete trovare in versione digitale sullo store di Switch, è possibile cimentarsi unicamente un varianti offline, con l’online che è stato “promesso” nelle prossime settimane attraverso la classica patch. Fortunatamente è possibile giocare fino a 4 giocatori in locale nelle varie configurazioni offerta da Switch.

Offline, invece, si potrà scegliere tra la classica gara semplice e la modalità torneo che ci porterà a calcare i campetti di alcune delle città più famose al mondo, per imporci come i migliori giocatori del globo. Sei tornei che prevedono quattro step (si parte dai quarti di finale!) per circa un paio d’ore di gioco che tengono conto anche di qualche fallimento. Troppo poco.

La longevità viene quindi posta unicamente sulle spalle della collezione di tutte le carte dei giocatori attraverso le bustine guadagnate vincendo le partite. Una scelta azzardata che potrebbe far stufare abbastanza velocemente alcune tipologie di videogiocatori.

Sotto l’aspetto tecnico il titolo vive di alti e bassi. La rese su schermo TV è abbastanza buona: animazioni fluide, dettagli discreti (ma che non fanno gridare al miracolo) e nessun tipo di rallentamento esagerato; diverso il discorso quando si passa su Switch in versione portatile, con l’immagine che tende a soffrire di una specie di filtro opaco che rovina la resa generale. Detto questo però, tra i pro mettiamo sicuramente una mappatura dei comandi piuttosto agevole e confortevole.

Sotto l’aspetto audio troviamo una serie di musiche abbastanza in linea con lo stile “caciarone” del prodotto, e un commento in lingua inglese che aggiunge una nota di colore sicuramente piacevole, ma che alla lunga potrebbe stancarvi.

NBA Playgrounds - Immagine 3

6,5
NBA Playgrounds è sicuramente un titolo divertente, in grado di far riaffiorare ricordi legati a quell'NBA Jam che è ancora oggi nel cuore di milioni di giocatori. Purtroppo la realizzazione del gioco è un po troppo grezza in ogni reparto, con lacune e difetti che non possono essere taciuti. Nel complesso rimane comunque un titolo gradevole, che potrebbe piacere ad alcune tipologie di giocatori. Restiamo in attesa di aggiornamenti che andranno ad ampliare l'esperienza di gioco.
voto grafica6,5
voto sonoro7
voto gameplay7
voto durata5

NBA Playgrounds

Disponibile per: Switch , PC, PS4, Xbox One
NBA Playgrounds Switch Cover
Empire
Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Castlevania
Castlevania

Un'icona del gaming sbarca su Netflix. Sarà vera gloria?

I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Empire
Uncharted: L'Eredità Perduta

1

Uncharted: L'Eredità Perduta

Le quote rosa di Naughty Dog

Agents of Mayhem

1

Agents of Mayhem

Dodici personaggi in cerca d'autore

Sine Mora EX
Sine Mora EX

Sine Mora debutta sulla current gen!

ASUS ROG G752VSK
ASUS ROG G752VSK

Portatile competitivo per aspettative superlative

Life is Strange: Before the Storm
Life is Strange: Before the Storm

Life is Strange: Before the Storm è il prequel della saga dedicato al personaggio di Chloe.