Recensione King Arthur - Il Potere della Spada

Ritchie ci racconta una versione estremamente moderna di Re Artù
Roberto Vicario Di Roberto Vicario

Come si può rinfrescare una storia che affonda le sue radici nel lontanissimo 1485? Come si può rendere fresca una storia che, nel mondo del cinema, è già stata raccontata in mille modi differenti (e con cocenti flop come la pellicola di Fuqua)? Beh, in un modo poco convenzionale che non piacerà sicuramente ad un pubblico maturo e che cerca la rivisitazione storica pura, ma che a noi è sembrata una strada discretamente corretta e coraggiosa.

Un Artù poco convenzionale

Guy Ritchie alla fine ce l'ha fatta. Dopo una gestazione piuttosto lunga e un’uscita rimandata di quasi un’anno (data originale 22 giugno 2016) King Arthur è arrivato nella sale. Primo capitolo di quella che dovrebbe diventare a tutti gli effetti una saga, il film ci racconta le - poco nobili - origini di Re Artù, questa volta interpretato dal bello e tenebroso Charlie Hunnam.

King Arthur - Il Potere della Spada
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201800
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201799
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201798
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201797
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201796
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201795
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201794
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201793
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201792
King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 201791

La terra di Albione è in conflitto con i maghi. Ultimo baluardo per gli umani è proprio Camelot che grazie al coraggio e l’abilità di Re Uther Pendragon (Eric Bana), riesce a sconfiggere il malvagio stregone che capeggia la rivolta. La pace sembra essere tornata ne regno ma, come spesso accadeva in quel periodo, l’equilibrio viene rotto dal fratello del Re, Vortigern (Jude Law) che punta al trono e compie un attentato al Re, uccidendo, oltre al fratello, tutti i suoi seguaci e la moglie.

A salvarsi sarà il figlio che arriverà a Londinium e verrà preso in adozione da un gruppo di prostitute della città. Solo crescendo capirà che solo lui può essere il legittimo possessore della spada leggendaria: Excalibur.

Una storia quindi che racconta un Artù lontano dai canoni della storia classica, per abbracciare invece quelle figure da sobborghi malfamati londinesi che tanto piacciono a Ritchie. Il personaggio di Hunnam è spaccone, molesto, attaccabrighe e decisamente arrogante, ma alimentato da un cuore nobile e gentile che deve solamente trovare la strada per sbocciare.

Si tratta a tutti gli effetti di una genesi, del modo in cui Artù è diventato Re di Camelot e di come sia passato alla storia per quello che viene raccontato nei libri. Per narrare queste gesta il regista inglese ha optato per una via che punta al fantasy in maniera netta, decisa ed a tratti addirittura esagerata. Ecco quindi animali giganteschi e pesantemente modificati dalla CG, una spada con poteri soprannaturali decisamente esagerati e un finale che sembra quasi strizzare l’occhio ad un videogioco più che ad una leggenda classica.

Una scelta scomoda che possiamo tranquillamente definire non pienamente riuscita (a causa soprattutto di una serie di effetti speciali non proprio impeccabili), ma che alla fine della visione non vogliamo nemmeno bocciare totalmente.

Il film punta chiaramente ad un pubblico giovane e l’assenza di sangue è una prova abbastanza importante all’interno di questa ipotesi. In tutto questo troviamo altri due elementi che per noi possono fare la differenza: l’introduzione di molti elementi “storici” in maniera alternativa e congeniale alla storia (i cavalieri, Ginevra e la dama del lago, giusto per citarne tre), ma soprattutto un montaggio che, anche nei momenti di stanca, riesce a tenere alto il ritmo del film. Un marchio di fabbrica che riesce ad emergere anche in questa pellicola.

King Arthur - Il Potere della Spada - Immagine 1

Siamo consapevoli che questo King Arthur non è un film perfetto, anzi, così come siamo pienamente coscienti del fatto che, se qualche collega lo boccerà, non si può biasimarlo. Però l’idea di esagerare, di raccontare una storia al limite del tamarro ma con alla base degli elementi che richiamano la leggende, a noi ha divertito e intrattenuto. Un modo diverso e lontano dal classico, che punta alle nuove generazione. Scelta vincente? Lo deciderà solamente il botteghino.

Frenetico, caciarone, esagerato e a tratti quasi "maleducato". Il Re Artù di Guy Ritchie è tutto tranne che un film sulla leggenda classica di Artù. Una scelta azzardata, e non perfettamente equilibrata sullo schermo; allo stesso tempo però è un'idea coraggiosa e che merita di essere premiata per il coraggio e per riuscire a intrattennere per tutto il tempo della sua durata. Se siete giovani o amate i film particolarmente spinti sotto l'aspetto visivo, provate a dargli una chance.
Sky TG24: guarda la diretta

King Arthur - Il Potere della Spada

King Arthur - Il Potere della Spada Cover
  • Titolo Originale: King Arthur: Legend of the Sword
  • Regia: Guy Ritchie
  • Produzione: Safehouse Pictures, Village Roadshow Pictures, Warner Bros.
  • Nazionalità: USA, Inghilterra
  • Distributore: Warner Bros. Pictures
  • Sceneggiatura: Joby Harold
  • Genere: Fantasy, Azione, Avventura
  • Sito ufficiale
  • Data di uscita: 10 Maggio 2017
  • Cast: Charlie Hunnam, Aidan Gillen, Djimon Hounsou, Astrid Berges-Frisbey, Jude Law
Empire
Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
Thor: Ragnarok
Thor: Ragnarok

Intrattenimento per tutta la famiglia a suon di cazzotti e martellate

LEGO Ninjago Il film
LEGO Ninjago Il film

E' Meraviglioso! (cit)

L'uomo di neve
L'uomo di neve

Fassbender scalda i freddi ghiacci norvegesi

It (Reboot)

9

It (Reboot)

Lo vuoi un palloncino?

Blade Runner 2049

6

Blade Runner 2049

Un Blade Runner differente!