Recensione Karate Master 2: Knock Down Blow

Metti la cera, togli la cera
Simone Rampazzi Di Simone Rampazzi
Da un po' di tempo a questa parte il panorama videoludico dedicato ai picchiaduro su personal computer è andato un po' scemando, forse agevolato dalla tendenza che vede la stragrande maggioranza dell'utenza acquistare i medesimi su console, e che i vari porting visti sino ad oggi (Dragon Ball Xenoverse, Naruto, Street Fighter etc) non siano sempre risultati tecnicamente all'altezza della piattaforma. Per sfatare questa parabola discendente, i ragazzi di Crian Soft hanno pubblicato Karate Master 2: Knock Down Blow, un nuovo titolo picchiaduro old-style che ha tutte le carte in tavola per risultare un'ottima offerta di settore.

Siete pronti ad allenarvi duramente ed a mettere in pratica tutti gli insegnamenti del vostro maestro?
Karate Master 2: Knock Down Blow - Immagine 1
Le prime fasi del combattimento sono molto avvincenti ed allo stesso tempo complesse, ma state tranquilli che vi daranno notevoli soddisfazioni.

Scrivi la tua storia a suon di pugni

Essendo il protagonista un karateka che ha rinunciato a tutto per dedicarsi interamente alle arti marziali, risulta evidente che il gioco sarà incentrato a farci mettere in gioco in una serie di scontri, divisi a stage, che serviranno al nostro alter-ego per migliorare il suo stile, intascare qualche soldino e diventare una stella indiscussa del karate nel panorama variegato delle arti marziali miste.
  • Karate Master 2: Knock Down Blow - Immagine 2
    Bisognerà pur lavorare per cominciare a racimolare i primi soldini per iscriverci alle competizioni!!
  • Karate Master 2: Knock Down Blow - Immagine 3
    Una volta subito un ko sfortunato, finiremo all'ospedale per dare nuovo vigore alle nostre membra stanche e ferite.
  • Karate Master 2: Knock Down Blow - Immagine 4
    Abbiamo colpito il nostro avversario in un punto temibile..

Dopo aver preso la cintura nera -ebbene sì, accadrà proprio all'inizio- il maestro istruirà l'allievo sugli innumerevoli traguardi ancora da raggiungere, e su quanto dovrà applicarsi per migliorare il proprio stile di combattimento, scontrandosi anche con diversi rappresentanti di altre scuole, che spaziano dal muay thai al wrestling. su questa falsa riga che si dirama la storia, che ci vedrà quindi al centro di una serie di duelli suddivisi in stage dalla diversa complessità atti al solo scopo di farci ottenere dei premi in fama, denaro ed abilità.

Dopo aver quindi affrontato un breve tutorial, essenziale per conoscere un minimo la configurazione dei tasti, siamo passati alla fase più impegnativa del titolo, che consiste nell'allenare il personaggio, scontro dopo scontro, con avversari che all'inizio sembrano inarrivabili, complici le statistiche ancora troppo basse per infliggere danni come vorremmo. A differenza di un normale picchiaduro, infatti, KM2 vuole essere un titolo più tecnico, che non invoglia il giocatore a ricercare la solita interfaccia vista nei titoli del settore, ma tende a focalizzarlo sulla realizzazione di colpi precisi ed efficaci, obbligatori per vincere lo scontro.

Il protagonista deve quindi raggranellare un po' di soldi andando a lavorare al porto come trasportatore, solamente per avere la possibilità di acquistare un biglietto di ingresso alle competizioni disponibili e sperare, al contempo, di vincere un premio per sbloccare due punti allenamento, nonché un po' di fama per scontrarsi in palestre più avanzate.

I rappresentanti delle medesime risiedono appunto in questi stage, diversi per scenario di gioco e stile di combattimento. Potrete quindi fare a pugni con lottatori di wrestling, con irriducibili “Nak Muay” o con pugili professionisti, ma questo sono solamente alcune delle possibilità che avrete a disposizione affrontando il gioco nella sua interezza, dato che ogni scontro sarà accessibile solamente dopo aver raggiunto un determinato livello di fama, necessaria per arrivare addirittura a scontrarsi in competizioni segrete come il Kumite, qui rappresentato come il Ghan-Gheng de “La Prova” (film del 1996), ovvero uno scontro senza regole di arti marziali miste.

Hajime!

Per raggiungere un livello di fama adeguato bisogna partire dal basso, ed il gioco proprio all'inizio mette a disposizione due tipi di competizioni, una più tecnica, dove non è possibile sferrare colpi al volto, ed una più barbara, dove grazie alle protezioni sarà possibile colpire il nostro avversario dove più ci aggrada. In questa fase, per livellare, è stato molto più semplice affrontare il secondo gruppo di scontri, visto che con una serie di combo precise e veloci è possibile mettere KO l'avversario e restare poco tempo sul ring, ottenendo così una buon chance di vittoria.
KM2 vuole essere un titolo più tecnico, che vi impegnerà sempre nella ricerca del colpo preciso ed efficare

Durante ogni competizione, in ogni caso, è possibile accedere ad un buon roster di colpi, ed è possibile anche effettuare alcuni colpi critici decreteranno la sconfitta del nostro avversario in men che non si dica, con tanto di cutscene allegata. Per vincere, comunque, sarà possibile utilizzare un approccio più tecnico grazie al conteggio dei punti dell'arbitro, oppure si potrà optare per il KO brutale, possibile solamente tenendo d'occhio l'interfaccia dedicata in basso, dove viene mostrato lo status del nostro combattente e le zone, dal verde al rosso, utili per capire dove possiamo sferrare il colpo fatale.

Finito lo scontro, potrete accedere alla parte ruolistica del titolo, ed allenare rispettivamente forza, la resistenza, la velocità, il Tai Kitae ed il Ki, fino ad un massimale di 10 per ogni caratteristica. Ogni allenamento dedicato ad una di essere è diviso in altre quattro sotto-categorie, sbloccabili al raggiungimento di un punteggio progressivo, che parte da 0 per passare a 5, 7 e poi 9. Logicamente, ad ogni livello cambia anche la complessità del tipo di allenamento, espediente che ha reso più divertente cimentarsi in prove difficili per aumentare di caratteristica.

Oltre a dover ricorrere all'utilizzo della forza per vincere, il gioco può fare affidamento ad una mini-storia molto simpatica da seguire e interpretare, così da rendere meno tediosa l'esperienza videoludica annessa, grazie alle scenette molto divertenti che ci hanno ricordato molto da vicino pellicole dello stesso genere.
Karate Master 2: Knock Down Blow - Immagine 6
Come dire "cara sono scivolato su una buccia di banana, ma è tutto ok"
8
Karate Master 2 si è rivelato un bellissimo titolo picchiaduro per PC, ricco di componenti interessanti che metteranno a giusta prova il giocatore in sfide via via più avvincenti da giocare. Il prezzo di appena 10€ sul mercato videoludico incentiva l'acquisto del medesimo, soprattutto se tenuta in considerazione la produzione tutta italiana.
voto grafica7,5
voto sonoro7,5
voto gameplay8
voto durata8
Sky TG24: guarda la diretta

Karate Master 2: Knock Down Blow

Karate Master 2: Knock Down Blow PC Cover
Empire
Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
Rogue Trooper Redux

3

Rogue Trooper Redux

Puffo forzuto, strafatto di nandrolone, va alla guerra!

South Park: Scontri Di-Retti

2

South Park: Scontri Di-Retti

L'universo di Trey Parker e Matt Stone ridiventa un videogioco. Ed è bellissimo.

Dragon's Dogma: Dark Arisen

2

Dragon's Dogma: Dark Arisen

Quando si parla di remastered, si parla sempre di seconde opportunità

Gundam Versus

4

Gundam Versus

I Mobile Suit Gundam sbarcano su PlayStation 4

The Evil Within 2

14

The Evil Within 2

Tango Gameworks manca il bersaglio, ancora una volta.