Recensione Jurassic World: Il Regno Distrutto

I dinosauri si mostrano sotto un nuovo profilo!
Roberto Vicario Di Roberto Vicario

Ci verrebbe da dire che è quasi sintomatico. Per una serie che si protrae per così tanto tempo, riuscire ad offrire qualcosa di davvero innovativo, avvincente e che sappia di nuovo, è uno dei compiti più difficili che sceneggiatori e produttori si trovano ad affrontare con questi franchise di lunga data.

Sembrava esserci riuscito il primo Jurassic World che, pur scimmiottando alcune delle caratteristiche del primissimo Jurassic Park, era riuscito ad inserire qualche elemento innovativo credibile e ben implementato all’interno di un parco divertimento moderno. Senza mutare minimamente la formula che da sempre accompagna il franchise giurassico: nasconditi e scappa.

Un nuovo punto di vista

Proprio grazie a questo discreto punto di partenza, ci siamo avvicinati all’anteprima di Jurassic World - Il Regno Distrutto con i più buoni degli intenti e moderato entusiasmo. D’altronde la storia, scritta da Colin Trevorrow e Derek Connolly  ma questa volta diretta da Juan Antonio Bayona sembra porre le basi della narrazione su un percorso completamente differente rispetto al resto della saga.

Dopo diverso tempo dalla caduta del parco ricostruito su Isla Nublar, i dinosauri vivono incontaminati e liberi. Il grosso vulcano che però sovrasta questo paradiso naturale torna in vita, con una preoccupante attività sismica che minaccia la sopravvivenza degli maestosi animali. L’opinione pubblica è divisa: salvarsi o lasciare che si estinguano definitivamente per la seconda volta? In questo clima teso e politicamente complesso (attivisti contro governo) Claire (Bryce Dallas Howard) e il dott. Grady (Chris Pratt), torneranno sull’isola per salvare alcune delle specie attraverso il finanziamento privato del sig. Lockwood amico di vecchia data del Dott. Hammond, padre del primo Jurassic Park.

Una partenza, quindi, piuttosto intrigante, in grado di portare all’interno della saga tematiche quantomai attuali sulla salvaguardia delle specie in pericolo, e sulla “naturalizzazione” di queste bestie create in laboratorio.

Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 2

Peccato che questo incipit scivola via piuttosto velocemente all’interno di un calderone in cui si buttano dentro un sacco di concetti mal sviluppati. Tutte queste scelte abbozzate si trasformano in un vero e proprio problema quando, nella seconda parte del film, la storia viene trasportata sulla nostra terraferma, in un contesto non completamente nuovo (ricordate The Lost World) ma allo stesso tempo inedito per come vuole essere affrontato.

Ed è qui che la sceneggiatura si perde completamente. I dialoghi diventano quasi scontati e prevedibili, le scelte dei personaggi sono completamente fuori luogo e senza senso, ma necessarie per un epilogo che, giocoforza, punta dritto dritto ad un terzo (e finale?) capitolo.

Potremmo anche dirvi che quello de Il Regno Distrutto è probabilmente un episodio di raccordo tra quello che è stato e quello che sarà della saga, ma anche sotto questa ottica è difficile giustificare alcune scelte che abbattono la sceneggiatura.

Un peccato davvero, anche perché l’idea di modificare l’immaginario sui dinosauri poteva addirittura portare a risultati intriganti; invece, quello che ne esce, è un film che sembra quasi portarli su schermo in maniera confusionaria (eccetto un paio di scene). Tra nuove forme genetiche e un T-Rex ancora una volta macchietta e sparring partner, una computer grafica così di qualità ci è sembrata davvero sprecata.

Problemi che troviamo tutti in questo script purtroppo, anche perché una lancia a favore del regista va comunque spezzata. Bayona dimostra di trovarsi a suo agio con i blockbuster, regalandoci inquadrature e alcune scelte stilistiche (che negli spazi chiusi scivolano quasi sull’horror) che cozzano paradossalmente con quello che viene raccontato.

Jurassic World: Il Regno Distrutto
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206498
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206497
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206496
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206495
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206494
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206493
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206492
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206491
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206490
Jurassic World: Il Regno Distrutto - Immagine 206489

 

È davvero difficile salvare questo Jurassic World - Il Regno Distrutto. Le scelte fatta in sede di scrittura penalizzano davvero un prodotto che non trova una vera direzione, gettando nelle mani dello spettatore una serie di sequenze amalgamate male tra loro e di difficile modellazione. Un calo vistosto visto Jurassic World, che non lascia onestamente ben sperare per quelle che dovrebbero essere le basi del terzo episodio in uscita nel 2021.

Jurassic World: Il Regno Distrutto

Jurassic World: Il Regno Distrutto Cover
  • Titolo Originale: Jurassic World: Fallen Kingdom
  • Regia: J.A. Bayona
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Warner Bros.
  • Genere: Azione
  • Data di uscita: 7 Giugno 2018
  • Cast: Chris Pratt, B.D. Wong, Ted Levine, Bryce Dallas Howard, Toby Jones, Rafe Spall, Justice Smith, Daniella Pineda, James Cromwell, Jeff Goldblum
Empire
30 Days TV Show Challenge

3

30 Days TV Show Challenge

Una sfida a colpi di serie TV. Siete pronti?

I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Se siete amanti di Lynch non dovete perdere questo gioiello

Una Serie di Sfortunati Eventi
Una Serie di Sfortunati Eventi

Le avventure degli orfani Baudelaire continuano

Empire
Jurassic World: Il Regno Distrutto

12

Jurassic World: Il Regno Distrutto

I dinosauri si mostrano sotto un nuovo profilo!

Solo: a Star Wars Story

6

Solo: a Star Wars Story

Scopriamo le origini di Han Solo!

Deadpool 2

2

Deadpool 2

Il mercenario chiacchierone torna sul grande schermo!

Avengers: Infinity War

16

Avengers: Infinity War

Il folle titano unisce tutto l'MCU!

Ghost Stories
Ghost Stories

Abbiamo incontrato il protagonista di Ghost Stories