Recensione F.E.A.R. Extraction Point

Pensavate davvero di esservi liberati di Alma?
Patrick Grioni Di Patrick Grioni
C'eravamo lasciati, dopo un'immensa esplosione, superstiti su un elicottero militare, con l'angosciante Alma che all'improvviso faceva capolino preannunciando spiacevoli conseguenze. Extraction Point racconta appunto dello schianto del nostro elicottero, dove insieme a 2 nostri compagni saremo gli unici sopravvissuti, e della corsa verso un punto di incontro per lasciare definitivamente il mondo d'orrore che abbiamo cercato di annientare in F.E.A.R. Paxton Fettel , che doveva essere morto, riappare, forzatamente, per ricreare il suo legame psichico con le unità nemiche, più cattivo e famelico di sempre. Non manca Alma e la bambina di rosso vestita, pronta a spaventarci durante i nostri viaggi psichedelici in realtà parallele, utili spazi che servono a creare soluzioni alternative nei punti morti dello scenario, o semplicemente per favorire una certa alternanza di situazioni.
F.E.A.R. Extraction Point - Immagine 1
Si noti come con FSAA le ombre “soft” non verranno abilitate, questo è un bug del motore fin dall'originale Fear
F.E.A.R. Extraction Point - Immagine 2
Non mancano gli effetti particellari
F.E.A.R. Extraction Point - Immagine 3
Passo felpato, voce cupa, l'angoscia che sale, quasi mai sarà letale in questi intermezzi, ma contribuirà ad elevare lo stato di angoscia
1|
Un'espansione passiva

Innovare non sempre è la migliore strada percorribile, perfezionare a volte è molto meglio, ma l'aggiunta di scenari e ambientazioni, mossi da una storia per certi versi pretenziosa, farebbe decadere qualsiasi produzione. Qualsiasi produzione modesta, però. Fear Extraction point riesce nell'artificio di muovere il videogiocatore in un ambiente del tutto identico a quanto visto in F.E.A.R. , sia come contenuti che come scenari, ma di far vivere sui suoi due punti cardine un'esperienza del tutto appagante: parliamo di intelligenza artificiale e spettacolarità scenografica. Non aspettatevi quindi miglioramenti in nessun campo, ma la medesima, seppur breve, qualità. La longevità, infatti, per i 30 euro richiesti, è forse l'unico punto veramente dolente. Le aggiunte più rilevanti consistono in 2 armi in più, una mitragliatrice devastante e un fucile da cecchino laser, oltre che la possibilità di piazzare torrette difensive alla Aliens (o all'Unreal 2). I nemici, oltre ai soliti replicanti e una maggiore presenza di robot meccanici, sono stati ampliati con una nuova unità invisibile fantasma. Si nota un evidente tentativo di forzare la mano sull'elemento “paura”, con situazioni ora più studiate rispetto al primo Fear, e un tentativo di proporre contenuti nuovi e inediti anche per quanto riguarda le risoluzioni. Purtroppo la trama, banale e forzata, riveste un ruolo di pretesto: rimangono le segreterie telefoniche e i computer come fonte di informazione su quello che è accaduto, i dialoghi con i compagni servono solo a indicare la direzione da seguire, peraltro piuttosto incanalata su binari immutabili.

Non vi sarà titolo che, probabilmente, metterà in ginocchio l'hardware della vostra macchina più del Fear engine, che tutt'ora presenta anomalie anche gravi nel frame rate, ma che nonostante tutto è stato lasciato, stoltamente, non ottimizzato. Anche su configurazioni di livello, solo disabilitando qualche dettaglio si otterrà una certa fluidità, anche se, bisogna rilevare, è presente un'ottima scalabilità che lo rende godibile anche su configurazioni abbastanza datate (ma con un risultato non certo appagante visivamente). Invariato il feeling e il gameplay durante le sparatorie più concitate, con la possibilità di rallentare la sequenza per avere qualche possibilità di sopravvivenza con molti e organizzati nemici. Del sonoro, compatibile EAX3 per la gioia degli utenti Creative, non si può che parlare bene, e si conferma ancora una volta campione nel rendere realistico il rumore dell'impatto dei proiettili (aiutato dalla fisica del motore grafico), insuperato dall'uscita del primo Fear. Il multiplayer si appoggia sul Fear originale.
F.E.A.R. Extraction Point - Immagine 4
Molti più minimach in questa espansione
F.E.A.R. Extraction Point - Immagine 5
In situazioni del genere è utile mettere lo slow motion
F.E.A.R. Extraction Point - Immagine 6
Nelle scatole, come in Half Life 2, troveremo utili medicinali.
7,5
Extraction Point amplia la storia, ma non le dinamiche, del primo Fear, e seppur breve (si finisce in 6-8 ore) si rivela un gioco divertente e vario. Come dicevano i latini “Hic Manebimus Optime” (qui stiamo benissimo), un prodotto di qualità può concedersi un espansione non particolarmente innovativa.
voto grafica9
voto sonoro9
voto gameplay8
voto durata6
0 commenti

F.E.A.R. Extraction Point

F.E.A.R. Extraction Point PC Cover
  • Piattaforma: PC
  • Produzione: Sierra
  • Sviluppo: Monolith
  • Genere: FPS
  • PEGI: +12
  • Data di uscita: Dicembre 2006
Empire
The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Empire
Far Cry 5

1

Far Cry 5

Siamo tornati in Montana!

Resident Evil Revelations 2

3

Resident Evil Revelations 2

L'orrore sbarca in forma portatile!

Linea Sparco Gaming
Linea Sparco Gaming

Nella splendida cornice del Monza Rally Show, Sparco Gaming ha presentato la nuova seduta da gioco per il 2018

Steep

1

Steep

Le Olimpiadi coreane in questo nuovo DLC!

Kingdom Come: Deliverance
Kingdom Come: Deliverance

Abbiamo fatto un salto nel medioevo!