Recensione D4: Dark Dreams Don't Die

Xbox One parla giapponese
Andrea Zabbia Di Andrea Zabbia
D4 è stato uno dei titoli più interessanti che Microsoft annunciò per Xbox One durante l'edizione 2013 dell'E3. Era da un po' che non si avevano notizie del nuovo lavoro di SWERY...ma si sa, la vita è piena di sorprese. In maniera abbastanza inusuale, il gioco è stato pubblicato la scorsa settimana su Xbox Live Marketplace senza alcun preavviso. La stagione 1 di D4 contiene il prologo e i primi due episodi dell'avventura sovrannaturale con protagonista David Young. Come se la saranno cavata i ragazzi di Access Studios? Scopriamolo insieme...

“La D è muta...”



In D4 siamo chiamati a impersonare David Young, ex-membro del dipartimento di polizia di Boston che ha deciso di diventare un detective privato dopo che la moglie è stata brutalmente assassinata in un omicidio che sembra direttamente collegato al traffico di una potente droga. Le ultime parole che il giovane uomo ha potuto sentire dalla propria consorte sono state “Cerca D...”. Ed è proprio attorno a questa lettera che gira l'intera sceneggiatura della nuova opera di SWERY.

La natura della trama richiama elementi spesso presenti nelle maggiori produzioni nipponiche, come il particolare rapporto tra il protagonista e il sovrannaturale, tutto condito dal solito umorismo tipico dei giapponesi. David è infatti in possesso di un particolare dono che gli permette di viaggiare nel passato attraverso dei particolari oggetti, chiamati mementum. Il detective attraverso questi cerca di trovare la soluzione all'omicidio della sua adorata moglie, la piccola Peggy. La donna si mostrerà spesso a David nel corso del gioco tramite apparizioni oniriche, che guideranno e consoleranno l'uomo nell'avanzare della sua missione. Il resto del cast risulta davvero bene caratterizzato ed i fan degli anime saranno felici di sapere che i comprimari presentano quei tratti fuori le righe tipici delle produzioni del Sol Levante.
D4: Dark Dreams Don't Die - Immagine 1
L'acqua permette di ripristinare punti per attivare il potere della Visione di David
Il gameplay di D4 punta a rivalutare una delle periferiche più bistrattate di Xbox One. Ci sentiamo di consigliare ad ognuno di voi di giocare questo titolo tenendo Kinect collegato alla vostra console. Interagire con l'ambiente in questa avventura grafica aumenterà il vostro livello di immedesimazione nei panni del protagonista e vi permetterà di affrontare il gioco in maniera più intuitiva e semplice. Anche i quick-time event danno il loro meglio grazie al sensore di movimento, dove vi sarà chiesto di eseguire sempre azioni che seguono la scena su schermo in maniera più o meno fedele. La scelta di sfruttare Kinect in questa maniera si è rivelata particolarmente azzeccata, anche se purtroppo non sempre le nostre azioni venivano percepite in maniera precisa ed accurata. C'è capitato di dover attivare il controller per superare un punto in particolare, perché il sensore non riusciva a capire che stavamo chiudendo la mano per afferrare un determinato oggetto. Un vero peccato, speriamo che questi problemi siano risolti con una futura patch che permetta di ottimizzare la ricezione dei comandi.

La longevità del pacchetto non si assesta su buoni livelli. Ogni episodio ha una durata di base di circa un'ora e mezza di gioco, eccezione fatta per il prologo che dura 30-40 minuti. Alla fine della corsa, noi abbiamo completato il tutto impiegando più o meno quattro ore. pur vero però che la vostra esperienza in compagnia della prima stagione di D4 potrebbe anche essere più longeva, considerando che ogni episodio nasconde diverse side quest e oggetti da trovare e collezionare.

Alla conquista del Giappone!



D4 rappresenta il primo passo compiuto da Microsoft verso il pubblico giapponese. Negli ultimi mesi il colosso di Redmond ha mandato numerose dichiarazioni d'amore verso gli utenti nipponici, anche se l'accoglienza nel Paese del Sol Levante non è stata delle migliori. Forse anche questo ha influito sul lancio improvviso del titolo sviluppato da Access Games, nel cercare di far comprendere ai giocatori che certi prodotti saranno presenti su Xbox One, anche in esclusiva. La spedizione giapponese di Microsoft si è rivelata una Caporetto, ma l'azienda non ha intenzione di tirarsi indietro, e con D4 potrebbe convincere qualche appassionato di produzioni di questo tipo nel valutare l'acquisto della piattaforma.
  • D4: Dark Dreams Don't Die - Immagine 2
    Scena equivoca?
  • D4: Dark Dreams Don't Die - Immagine 3
    David terrà spesso sveglio il proprio cervello, giungendo sempre alle soluzioni del caso...per quanto apparentemente siano strane e difficili da intuire!
  • D4: Dark Dreams Don't Die - Immagine 4
    La gomma da masticare è un tratto caratteristico di David Young

Sia chiaro, non ci sentiamo di considerare il lavoro di SWERY come una vera e propria killer application o un system seller, anche se il gioco è ben fatto e di carattere ne ha da vendere. la filosofia dietro questo titolo che potrebbe mostrare una vera e propria apertura verso prodotti che non tutti pensavano potessero arrivare su Xbox One. Il pubblico giapponese è davvero difficile da comprendere, ma videogame come D4 sembrano disegnati appositamente per lui. Vale la pena per Microsoft continuare a investire in questa direzione, sperando di guadagnare la simpatia dei giocatori orientali?

Per il momento la situazione sembra poco positiva, ma quel che possiamo certamente dire è che Xbox ha bisogno di questi giochi e speriamo di vederne di più nel prossimo futuro. Access Games ha avuto il compito di aprire le danze, ma ora non deve adagiarsi sugli allori. Ricordiamo infatti che finora abbiamo potuto vedere solo i primi tre episodi di D4, sì molto validi, ma certamente non autoconclusivi. Ci aspettiamo che le prossime uscite di questa serie possano confermare quanto di buono visto finora. SWERY e il suo team avevano la nostra curiosità, ma ora hanno la nostra piena attenzione.

Chiudiamo l'articolo con una piccola disanima tecnica. A livello grafico il gioco non permette ad Xbox One di mostrare i propri muscoli, anzi, siamo convinti che un titolo simile sarebbe potuto uscire anche su Xbox 360. invece particolarmente apprezzabile lo stile artistico adottato dagli sviluppatori, che rievoca quello tipico degli anime. Anche il comparto sonoro è apprezzabile, con un buon cast di doppiatori e una soundtrack composta da brani tipici delle produzioni animate giapponesi.
D4: Dark Dreams Don't Die - Immagine 6
Parte dell'azione di D4 avrà luogo su questo aereo
8
D4 è il titolo che Microsoft deve offrire al pubblico giapponese, se davvero vuole convincerlo a tenere in considerazione la propria console. Questo primo assaggio del lavoro di SWERY è risultato delizioso. L'interessante trama, mix riuscito tra thriller investigativo e anime dalle tinte sovrannaturali, ci ha lasciato con una grande curiosità per il prossimo episodio della serie, che speriamo venga pubblicato presto. Access Games ha inoltre dimostrato che Kinect può essere sfruttato in maniera intelligente, offrendo un gameplay capace di aumentare l'immedesimazione del giocatore nel personaggio su schermo. Purtroppo il sensore non rileva tutti i movimenti del nostro corpo in maniera precisa, ma l'idea di fondo funziona abbastanza bene. D4 potrà essere valutato correttamente solo dopo aver giocato l'ultimo episodio, visto che le cose potrebbero evolversi sia in meglio che in peggio, ma per il momento i presupposti sembrano decisamente positivi. Se siete dei veri e propri otaku, o semplicemente vi piacciono i prodotti giapponesi, questo è un titolo che dovete tenere in forte considerazione.
voto grafica7
voto sonoro7,5
voto gameplay8
voto durata7

D4: Dark Dreams Don't Die

Disponibile per: Xbox One , PC
D4: Dark Dreams Don't Die Xbox One Cover
Empire
The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Empire
Monster Hunter World
Monster Hunter World

Siamo entrati in contatto con il nuovo mondo!

Titan Quest: Ragnarök
Titan Quest: Ragnarök

Un gradito ritorno che però non convince fino in fondo

Injustice 2
Injustice 2

I supereroi si menano anche su PC

Xenoblade Chronicles 2

12

Xenoblade Chronicles 2

La saga di Takahashi torna con un nuovo capitolo più colorato e divertente, che decolla ma non convince fino in fondo.