Recensione Commandos 3: Destination Berlin

Fabrizio CirilloDi Fabrizio Cirillo (17 Novembre 2003)
Commandos 3: Destination Berlin - Immagine 1
Le introduzioni sono sempre piuttosto suggestive
Presentare un titolo come Commandos 3 ha sempre un fascino particolare. La serie dell'ormai celebre team Pyro rappresenta da diverso tempo un must per gli amanti degli strategici tattici in tempo reale, un gioco che si è sempre distinto per l'eccezionale dettaglio grafico ma soprattutto per un gameplay che non è secondo a nessuno. Considerando la qualità del prequel era quindi lecito attendersi non poco dal nuovo Commandos 3, attese che se pur in parte sono state soddisfatte.

Commandos 3: Destination Berlin - Immagine 2
Quella del cecchino è con ogni probabilità la missione più semplice
Commandos 3: Destination Berlin - Immagine 3
Ecco un bello spaccato degli interni di un edificio


Un gioco all'insegna della semplicità...forse

Mantenendo fede al canovaccio che ha sempre contraddistinto la serie, anche Commandos 3 prende spunto da alcune vicende svoltesi durante il secondo conflitto Mondiale. Il gioco sarà fondamentalmente diviso in tre missioni (se si esclude il tutorial), che avranno luogo in tre differenti scenari di guerra realmente esistiti (Stalingrado, Normandia ed Europa Centrale). Le missioni non saranno comunque complementari l'una all'altra, segno di una precisa scelta di lasciare maggiore libertà all'utente che potrà ora decidere l'ordine con cui portare a termini i differenti incarichi. Tale scelta è stata giustificata dallo stesso team di sviluppo con il preciso intento di facilitare il gioco anche agli utenti meno esperti che potranno adesso rendersi conto degli scenari che si troveranno ad affrontare senza però dover necessariamente finirne uno prima di affrontare il successivo. Sempre per lo stesso motivo si possono conseguentemente giustificare alcune scelte come la semplificazione del menù concernente le impostazioni video (risoluzione obbligata a 800x 600 e scelta limitata alla definizione alta o media) e soprattutto la definitiva eliminazione della possibilità di customizzare il set dei comandi, elemento che però potrebbe creare qualche problema in più per chi ha già giocato a Commandos 2. Per il resto ci troviamo di fronte al solito Commandos, implementato però di alcune features del tutto nuove.

Promesse mantenute se pur in parte

Rispetto ai precedenti episodi, l'ultima fatica del team Pyro ha sicuramente portato una ventata di aria fresca alla solita meccanica di gioco, presentando personaggi ben più vari ed in grado di svolgere più di una mansione per volta. Se da un lato tale impostazione facilita la riuscita di alcune missioni, dall'altro non consente ancora un approccio all'azione di gioco altrettanto semplice, segno che il vero problema evidenziato fin dal precedente episodio non è stato completamente risolto. Commandos 3 resta infatti un titolo piuttosto ostico da portare a termine, in particolar modo per chi si avvicina per la prima volta ad un titolo del genere. Lo svolgersi delle missioni è rimasto (se non addirittura peggiorato) di fatto ancora piuttosto rigido e non permette particolari variazioni al tema. In tal senso il gioco resta ancora principalmente orientato verso le azioni stealth (lo scontro aperto resta ancora una scelta suicida), rese ancora più difficili dalla presenza di molti più nemici rispetto a Men o f Courage, elemento che impone un esame dell'ambiente di gioco molto accurato. Per il resto Commandos 3 sfoggia le medesime modalità di gioco (ossia una) dell' intera serie a cui va a sommarsi un' inedita modalità multiplayer deathmeatch che, considerando le peculiarità del gioco, trova comunque una difficile collocazione.

Commandos 3: Destination Berlin - Immagine 4
Un comodo riquadro vi terrà informato sulla situazione all'esterno dell'edificio
Commandos 3: Destination Berlin - Immagine 5
La vecchia grafica isometrica fa ancora la sua bella figura
12
0 commenti

Commandos 3: Destination Berlin

Commandos 3: Destination Berlin PC Cover
Empire
The Assassination of Gianni Versace
The Assassination of Gianni Versace

Abbiamo visto in anteprima la prima puntata della serie TV

Bright

7

Bright

Ayer ci porta in una L.A. che unisce fantasy e moderno.

The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Empire
Nintendo LABO

5

Nintendo LABO

Nintendo stimola la nostra immaginazione

Dragon Ball FighterZ
Dragon Ball FighterZ

Galeotta fu la beta

Playerunknown's battlegrounds

6

Playerunknown's battlegrounds

Qualche ora in compagnia della versione Xbox One!

Gamdias HEBE M1 RGB
Gamdias HEBE M1 RGB

Gamdias ci vizia con un ottimo headset

Gamdias Zeus P1
Gamdias Zeus P1

In barba al signore dell'Olimpo