Recensione Bakugan Battle Brawlers

Carta-Portale in posizione... Bakugan: combatti!
Tommaso Alisonno Di Tommaso Alisonno
Nell'iperspazio remoto, un individuo minaccioso condensa l'energia dei bakugan e crea una “Sfera del Silenzio” dai poteri ignoti. Contemporaneamente, un bakugan di nome Leonida approda solitario sulla Terra e fa la conoscenza di un ragazzo alle prime armi nei combattimenti tra questi esseri, e che dovrà essere guidato da Dan (protagonista della serie animata) per imparare a valorizzare il suo alleato. Ma cosa nasconde l'origine di Leonida, e quali piani muovono il misterioso individuo? Dalla serie anime alle console di casa nostra, BBB ci permette di creare un nostro alter-ego digitale e guidarlo alla conquista del titolo di campione Bakugan.
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 1
Dan, protagonista dell'anime, in questo gioco sarà una sorta di amico-spalla del nostro personaggio creato
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 2
Sta per iniziare una battaglia a quattro
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 3
L'arena dell'acqua, con le sue caratteristiche bolle e cascate
Si tratta essenzialmente di un card-game ibrido, in cui entreranno in gioco non solo le carte costituenti il nostro mazzo ma anche i bakugan che ci porteremo appresso, il loro utilizzo sul campo ed il loro sviluppo, inserendo pertanto delle dinamiche e delle meccaniche da rpg. Partendo dall'inizio, diremo che ogni contendente possiede un “mazzo” composto da tre bakugan sottoforma di piccole sfere, tre carte-portale e tre carte-azione. All'inizio dello scontro, i contendenti creano il campo di battaglia, che può essere neutrale e passivo oppure favorire le creature legate ad un elemento particolare e presentare particolari bonus sparsi qua e là. Le prime carte che vengono utilizzate sono i portali: il primo lancio è obbligatorio, mentre in seguito potrete decidere quando e dove piazzare le vostre altre due carte. Al proprio turno, ogni giocatore lancia una delle sue tre sfere e ne direziona il movimento, cercando di accumulare punti-bonus o di raccogliere i vari item, per poi terminare il movimento piazzandola su un portale, dove si schiuderà nella forma della creatura.

Se si riesce a piazzare due bakugan sullo stesso portale, o se si riesce a occupare tre portali diversi per sufficiente tempo, si raggiunge un punto e il portale viene rimosso. Se, viceversa, sullo stesso portale si vengono a trovare bakugan di giocatori avversari, il possesso è conteso e si passa al combattimento. Questo avviene in tre fasi: nella prima, il portale viene rivelato è modifica la forza dei contendenti in base all'elemento di affinità e ad altre regole accessorie (va da sé che ogni giocatore tenderà a combinare il mazzo in modo che i suoi portali potenzino le sue creature); nella seconda, i giocatori possono utilizzare carte azione per incrementare ulteriormente questi punteggi, o per modificare le regole della sfida; la terza è una sfida vera e propria, vale a dire un minigioco da affrontare simultaneamente.

Si va dalla pressione dei tasti al momento giusto (in stile music-game, per capirci), al frenetico movimento dello stick analogico, al punta-e-clicca in uno schema comune ai due contendenti. Quale che sia la sfida, essa è tesa all'ulteriore potenziamento del bakugan e durante essa solitamente ciascun contendente agisce per sé, ma è possibile influenzare l'andamento tramite i succitati item raccolti. Al termine della stessa la creatura più forte vince il punto, ed il portale viene rimosso: vince la partita il giocatore (o la squadra, se giocate due contro due) che si aggiudica per primo tre punti. In modalità storia, in cui utilizzeremo un lottatore creato da noi, con le vittorie otterremo dei punti tramite cui acquistare nuove carte, nuovi bakugan, o potenziare quelli in nostro possesso nei parametri di forza e lancio.
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 4
Che grinta! A cosa servirà quella "sfera del silenzio"?
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 5
L'arena standard è ideale per il tutorial e per le battaglie equilibrate, ma è anche piuttosto noiosa
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 6
Esaminiamo un po' le carte-portale che abbiamo piazzato. La mancanze di una visuale dall'alto si fa sentire parecchio
La realizzazione grafica del gioco è pulita e gradevole, e l'utilizzo del cell-shading garantisce al tutto il giusto aspetto da anime. Soprattutto nella realizzazione dei personaggi c'è una cura particolare, con modelli molto morbidi, dettagliati ed animati pregevolmente, tanto da rubare la scena a quelli che poi sono i principali protagonisti delle battaglie, ossia i Bakugan, comunque ben studiati. Le arene sono gradevoli, ma paradossalmente ciò che più colpisce è il contorno, come i draghi che fanno capolino dalle pareti o i golem che martellano il pavimento... contorno oltre il quale però ci si perde nel nulla dello sfondo. Quello che manca ferocemente nella realizzazione grafica è una visuale dall'alto, la cui utilità sarebbe evidente: permetterebbe di osservare attentamente la posizione delle carte-portale prima di lanciare la sfera.

Dal punto di vista del sonoro, invece, non possiamo ritenerci pienamente soddisfatti, a partire da una colonna sonora “indecisa” che alterna brani troppo dissonanti a seconda delle arene, talvolta neanche consoni all'ambiente: se, per esempio, il brano arabescato si intona bene con l'arena del deserto, non capiamo secondo quale logica nell'arena dell'acqua debba tormentarci un fastidioso ritornello techno. Se poi parliamo dei doppiaggi, allora c'è proprio da lamentarsi: se infatti nei dialoghi le voci riescono ad essere anche gradevoli, sebbene spesso petulanti, nei combattimenti sono veramente fastidiose, non tanto per la ripetitività (quella è ovvia) quanto per le intonazioni.
Per prendere confidenza col sistema avremo a disposizione un esaustivo tutorial, al termine del quale dovremmo più o meno essere in grado di affrontare qualsiasi avversario, con l'ovvia limitazione del fatto che le prime carte e i primi bakugan disponibili diverranno essenzialmente inadeguati man mano che la storia prosegue e gli avversari si fanno sempre più ostici. Per quanto sia possibile potenziarli, man mano che se ne sbloccano di nuovi sarà infatti consigliabile fare acquisti e riorganizzare il mazzo: solo Leonida, per motivi ovvi, è abbastanza adattabile da poterci seguire per sempre.

Le meccaniche di gioco fondono in maniera abbastanza interessante la strategia di un card-game (tra l'altro scevro del fattore fortuna relativo ad un mazzo mischiato, ma privo della relativa varietà), gli elementi di rpg che caratterizzano i bakugan, un minimo di action relativo al piazzamento e la prontezza delle sfide: c'è un po' di tutto, insomma, ma il sistema alla fine funziona bene, e ben presto sarete praticamente imbattibili... perlomeno nelle sfide uno contro uno, o comunque negli scontri con avversari umani. Quando invece ci si trova impelagati in battaglie a quattro giocatori (sia a squadre sia in rissa reale), il comportamento dell'IA può risultare oltremodo irritante, quando ad un avversario arrivano punti praticamente regalati dovuti all'imperizia degli altri giocatori - e non è divertente perdere senza aver avuto nessuna colpa. Altre volte, invece, l'IA di punto in bianco sfodera traiettorie certosine o abilità insospettate nelle sfide, rendendosi praticamente imbattibile.

Quando poi si prende talmente tanta confidenza con le arene che ogni tiro è più o meno la ripetizione del precedente (si raccolgono sempre gli stessi bonus con sempre lo stesso percorso), allora anche il lato action viene a decadere nella ripetitività. La trama proposta è abbastanza gradevole, soprattutto perché esula dalla storia dell'anime e mette il giocatore nel ruolo di protagonista (al pari di Leonida): una scelta che sulla carta incontrerebbe il favore tanto dei fan quanto dei neofiti, ma a conti fatti solo i primi troveranno veramente il gioco di loro gusto. Per tutti gli altri abbiamo un card-game un po' fuori dagli schemi che può tenere compagnia fintanto che la trama prosegue, ma al termine della quale è destinato inesorabilmente allo scaffale...
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 7
Che bel mostrillo lanciamo adesso?
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 8
Mandare i bakugan negli appositi percorsi permette di ottenere bonus rilevanti
Bakugan Battle Brawlers - Immagine 9
Quei cristalli contengono poteri ad uso singolo da sfruttare in battaglia
6
Ogni anime ha il suo porting, e Bakugan non fa eccezione: il sistema proposto riesce a fondere insieme elementi di card-game, rpg, action e minigiochi, con un risultato abbastanza accettabile fintanto che si resta nell'ambito delle sfide uno contro uno, ma che tende a subire diversi scossoni nelle partite più complesse. Unitamente ad una realizzazione grafica gradevole e ad una storia originale, il gioco non mancherà di appassionare ai fan della serie, ma per gli altri potrebbe essere al massimo un gradevole diversivo.
voto grafica6,5
voto sonoro5
voto gameplay7
voto durata6
Sky TG24: guarda la diretta

Bakugan Battle Brawlers

Bakugan Battle Brawlers Xbox 360 Cover
  • Piattaforma: Xbox 360
  • Produzione: Activision
  • Sviluppo: Interno
  • Genere: Card Games
  • Data di uscita: Novembre 2009
Empire
Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
ELEX
ELEX

Un cristallo per trasformarli tutti.

WWE 2K18

3

WWE 2K18

Il Wrestling Made in WWE, torna sulle nostre console!

NBA Live 18
NBA Live 18

Un nuovo inizio

Rogue Trooper Redux

10

Rogue Trooper Redux

Puffo forzuto, strafatto di nandrolone, va alla guerra!