Recensione Arrival

Villeneuve ci racconta gli alieni a modo suo...
Roberto VicarioDi Roberto Vicario (24 Gennaio 2017)
Denis Villeneuve si è dimostrato un uomo coraggioso; pochi altri registi avrebbero osato come lui, ne siamo certi. Prendere un film di fantascienza, rivoltarlo completamente e applicare un filtro da film d'autore, ma in grado di intrattenere come un vero blockbuster, non è tutti; tutto questo a poco meno di un anno dall'uscita del seguito di Blade Runner (diretto sempre da lui), e con gli occhi di milioni di appassionati che lo fissano costantemente .
Arrival
Arrival - Immagine 195786
Arrival - Immagine 195785
Arrival - Immagine 195784
Arrival - Immagine 195783
Arrival - Immagine 195782
Arrival - Immagine 195781
Arrival - Immagine 195780
Arrival - Immagine 195779
Arrival - Immagine 195778
Arrival - Immagine 195777
Azzardo totale? Probabilmente si, ma come leggerete tra poco, l'azzardo ha pagato e Arrival si candida a mani basse come uno dei migliori film del 2017 (guardando ovviamente le uscite italiane e non quelle statunitensi). Vi spieghiamo perché.

Un incontro, per evitare uno scontro

Dodici navi aliene sono approdate sulla terra. Gli umani cercano un contatto con la nuova razza per capire se ci sono intenti benevoli o malevoli. Gli Stati Uniti ingaggiano due figure di alto profilo scientifico la linguista Louise Banks (Amy Adams) e il fisico teorico Ian Donnelly(Jeremy Renner). I due saranno la chiave per comprendere le intenzioni di questa nuova razza extraterrestre.

Gli alieni sono un tema che nel mondo del cinema ha affascinato un sacco di registi. Ne abbiamo visti di tutti i tipi: buoni, cattivi, sadici (Mars Attack vi ricorda qualcosa?) e così via. Molti di questi film si sono concentrati, quasi sempre, sugli effetti del “contatto”, su quello che succede dopo aver scatenato l'ira benevola o maligna della razza in questione; Villeneuve invece si focalizza proprio su quella che per molti può sembrare una fase preliminare e scontata del contatto: decifrare le intenzioni.
Il film gioca con lo spettatore e regala equilibri particolari, che oscillano costantemente tra l'ansia che porta a pensare “adesso succederà sicuramente qualcosa”, e l'essere smentiti un secondo dopo. L'artefice principale di questa sensazione è ovviamente il montaggio: ispirato, diretto, che lascia ai dettagli la funzione di spiegare molte cose che non vengono dette. Il montaggio stesso (insieme alle espressioni della Adams) è proprio la chiave di volta che permette di capire la vicenda per intero, costringendo lo spettatore ad una attenzione costante, ma sempre alimentata dalla curiosità. Proprio per questo vi parliamo di cinema d'autore.

Gli equilibri vengono anche gestiti dalla forte diversità che si percepisce tra le immagini che scorrono sul grande schermo e le parole che vengono pronunciate all'interno dei vari dialoghi. Proprio in questi dettagli si coglie la magnificenza del lavoro svolto dal regista canadese: veicolare messaggi altamente scientifici e - passateci il termini - “pesanti”, con una naturalezza incredibile, lasciando alla potenza delle inquadrature e alla splendida fotografia la dolcezza della comprensione.

Sotto questo aspetto sono di grande aiuto i tre attori principali: Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker; espressioni e gestualità aiutano fortemnte lo spettatore ad interpretare il momento e a viverlo in maniera ancora più passionale. Un plauso fa però fatto in maniera personale all'attrice nata a Vicenza: bravissima e ispirata.
Arrival - Immagine 1
Arrival - Immagine 2
Arrival - Immagine 3
Erano anni, onestamente, che non si vedeva unconnubio così forte tra la potenza visiva di uno film fantascientifico ad alto budget, e la mano di un regista che non punta all'esagerazione per coinvolgere. Tutto scorre in maniera incredibilmente fluida e appassionante, fino ad un finale con un validissimo colpo di scena.

Insomma, Arrival è un film incredibile, ma badate bene, non aspettatevi un prodotto che punta al puro intrattenimento. L'ultima pellicola di Villeneuve e come un ottimo vino: va assaporato, lasciato decantare e apprezzato in tutte le sue sfumature, aromi e tonalità. Inoltre abbiamo un'altra certezza, probabilmente la più importate di tutte: il seguito di Blade Runner sembra davvero essere in ottime mani.

Un fantascientifico che intrattiene e allo stesso tempo veicola messaggi e forme del grande cinema d'autore? Si, è davvero possibile. Arrival dimostra l'ormai affermata maturità del regista canadese Denis Villeneuve. Il cineasta gioca con lo spettatore grazie ad un motaggio impeccabile, raccontando una storia per nulla banale e in grado di coinvolgere tutti, non solo gli amanti del genere. Il 2017 non poteva iniziare meglio.

Arrival

Arrival Cover
  • Regia: Denis Villeneuve
  • Nazionalità: USA
  • Distributore: Warner Bros. Pictures
  • Sceneggiatura: ERIC HEISSERER
  • Genere: Fantascienza
  • Durata: 116 min.
  • Data di uscita: 12 Gennaio 2017
  • Cast: Amy Adams, Jeremy Renner, Forest Whitaker, Michael Stuhlbarg, Tzi Ma, Mark O'Brien
Empire
I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Benvenuti al Lynch Park!

Sense8

1

Sense8

I Sense8 sono tornati

Girlboss

1

Girlboss

Storia di una donna di successo

Empire
Transformers: L'ultimo Cavaliere

5

Transformers: L'ultimo Cavaliere

Uno scontro sempre più epico...e confusionario!

LEGO Batman Il Film
LEGO Batman Il Film

Anche a cubetti, il pipistrello di Gotham non tradisce le aspettative

La mummia

5

La mummia

Il nuovo Dark Universe parte dall'Antico Egitto!

Baywatch

2

Baywatch

Un tuffo venuto male!

Wonder Woman

4

Wonder Woman

Diana Prince salverà i cinecomics della DC?