Recensione 007: Everything or Nothing

Giuseppe SchirruDi Giuseppe Schirru (12 Marzo 2004)
007: Everything or Nothing - Immagine 1
La vera Heidi Klum in fase di doppiaggio
Da una parte all'altra del mondo, in un crescendo di situazioni esplosive che si susseguono l'un l'altra con la solita carica spettacolare dei film bondiani. Tutto l'universo della più famosa spia inglese trasposto in forma videoludica come Ea sa fare: spettacolo, licenze della MGM, un cast di attori veri e una trama forse fin troppo articolata, perfino per uno come Ian Fleming, che al tempo disse che le sue storie potevano essere pazzamente oltre il probabile, ma non oltre il possibile. Dai suoi tempi di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia, e come se non bastasse la dimostrazione degli ultimi film fracassoni, arriva questa versione targata EA a ricordarci che per Bond nulla è impossibile, o che almeno il "probabile" è stato superato già da qualche decennio. In fondo la macchina da soldi hollywoodiana può imbastire qualsiasi spettacolo, anche il più impensabile, ma anche l'X-Box non è da meno e tra sparatorie, inseguimenti in elicottero, in macchina, in moto o in carro armato fino ad arrivare a un salto da uno strapiombo con atterraggio tramite rampino, si arriva nel campo di definizione "impossibile", quello per intenderci che i fan della serie apprezzano e in ogni episodio pretendono.
007: Everything or Nothing - Immagine 2
E' lui. Bond, James Bond
007: Everything or Nothing - Immagine 3
Il nostro eroe è impegnato in una missioni d'infiltrazione in una base nemica
007: Everything or Nothing - Immagine 4
Ovviamente non mancheranno gli scontri corpo a corpo. Il nostro Bond potrà eseguire tutto un set di mosse speciali.
Nell'opera omnia imbastita dai programmatori i rimandi al film sono più che espliciti, i deja-vù si sprecano, come anche le trovate o le americanate che qua vengono proposte in dosi-extra: la Porsche Cayanne Turbo, la V12 Vanquish, l'Honda 600 Triumph sono dei biglietti da visita invitantissimi per i fanatici, e l'aver usato il motore grafico di Need For Speed Underground nelle sezioni racing rientra pienamente nel clima d'eccesso che si respira in questa produzione. Dicevamo opera omnia, perchè qua l'universo bondiano è proposto in tutte le salse, da quella piccante fino al nero di seppia. Ce n'è per tutti i gusti, e si passa da una sezione all'altra con una naturalezza inaudita, complice uno story-board in perfetto stile, capace di incollare lo spettatore con un susseguirsi di azioni a catena da panico. Anche le sorprese non mancano. Dove ci si aspettava il classico fps, ci troviamo davanti uno sparatutto in terza persona, soluzione azzardata ma riuscita che non fa rimpiangere la vecchia tradizione. Ovviamente miriadi di altre sezioni movimentano il gameplay, ognuna in grado di avere una sua dimensione e non le sembianze di una figura patetica atta a distrarre il giocatore tra una sparatoria e l'altra.

Tutto o niente. E' indubbio che stavolta la EA abbia tentato il tutto per tutto, pur di riuscire nella mastodontica impresa di creare quel film interattivo che riuscisse a non sfigurare dinnanzi alle costosissime produzioni hollywoodiane. Ovviamente lo fa a modo suo, cercando di rimpiazzare con lo spettacolo la mancanza di spessore ludico, ma il risultato è soddisfacente, viste anche le perplessità suscitate dalla visuale non più in prima persona ma in terza. La EA si è messa in testa di fare le cose in grande? Stavolta ce l'ha fatta. Dietro l'algida presenza di Pierce Brosnan, un cast di tutto rispetto che comprende nomi quali William Dafoe, il cattivo di turno, Judi Dench nel ruolo di "M" e John Cleese in quello di "Q". Quanto alle bond girl stavolta la lista si allunga, con presenze mozzafiato quali Heidi Klum nella parte della Dr. Katya Nadanova o Shannon Elizabeth nei panni della geologa Serena St. Germaine. Misaki Ito è invece Miss Nagai, la bellissima assistente di Q, mentre Mya un'agente dell'NSA. La storia, scritta dall'ormai veterano Bruce Feirstein, ricalca tutti gli stereotipi del genere, col cattivone di turno, belle figliole pro e contro annesse, e scontri e inseguimenti connessi. Il cattivo di turno è Nikolai Diavolo (William Dafoe), che tra nano-robot e gingilli vari minaccia tanto per cambiare la salvaguardia del pianeta. Niente di scontato e anzi, tra dialoghi d'eccezione e una trama curata c'è da sedersi in poltrona e godersi lo spettacolo.
007: Everything or Nothing - Immagine 32
Una sequenza degli ottimi filmati in FMV
007: Everything or Nothing - Immagine 33
Come resistere al fascino della spia inglese?
007: Everything or Nothing - Immagine 34
Bond a rapporto da "M"
0 commenti

007: Everything or Nothing

Disponibile per: Xbox , GameCube
007: Everything or Nothing Xbox Cover
Empire
I Segreti di Twin Peaks
I Segreti di Twin Peaks

Se siete amanti di Lynch non dovete perdere questo gioiello

Una Serie di Sfortunati Eventi
Una Serie di Sfortunati Eventi

Le avventure degli orfani Baudelaire continuano

Marvel's Jessica Jones
Marvel's Jessica Jones

Cinque episodi per una storia da raccontare

The Walking Dead
The Walking Dead

Abbiamo visto in anteprima la 8x09

Piccole Grandi Bugie
Piccole Grandi Bugie

Il (deludente) DVD di una serie che racconta tante verità

Empire
Hearthstone: Heroes of Warcraft
Hearthstone: Heroes of Warcraft

Nuova espansione, nuove carte da giocare

Masters of Anima
Masters of Anima

Salva la cheerleader, salva il mondo

God Of War (PS4)

17

God Of War (PS4)

Kratos come non lo avete mai visto!

Titan Quest
Titan Quest

Un vecchio mito su PC ritorna su console next gen

Extinction
Extinction

Un Attack on Titan in salsa occidentale? Non proprio..