Recensione 007: Agent Under Fire

Redazione GamesurfDi Redazione Gamesurf (19 Dicembre 2001)
L'avventura di James Bond sulla "nuova" PlayStation 2 di Sony non è cominciata nel migliore dei modi a causa della cancellazione, lo scorso anno, di 007 The World Is Not Enough, discreto sparatutto pubblicato per Nintendo 64 e PlayStation. Il vero debutto su PlayStation 2 dell'agente segreto ideato da Ian Fleming è dunque affidato a questo James Bond 007 in... Agent Under Fire
UN NEMICO MISTERIOSO
Il nemico di turno in 007 Agent Under Fire è impersonato dalla misteriosa società chiamata Identicon Corporation che sta svolgendo numerose operazioni di dubbia natura in diverse parti del mondo. L'agente segreto americano NightShade è scomparso proprio nell'ambito di un'indagine su questa società e James Bond viene dunque inviato a indagare. Ben presto emergerà il profilo di un piano criminale di portata mondiale, potenzialmente capace di sconvolgere la relativa pace del mondo: inutile dire chi sarà chiamato a sventare questa nuova minaccia..
007: Agent Under Fire - Immagine 1
La grafica del gioco nelle sezioni in prima persona è ben fatta
Nulla di nuovo, dunque, sul fronte della trama, mentre alcune interessanti novità riguardano proprio lo schema di gioco: 007 Agent Under Fire infatti non si limita a proporre una struttura tipica da sparatutto in prima persona, come facevano invece 007 The World Is Not Enough o lo splendido GoldenEye (per Nintendo 64, sviluppato da Rare), bensì cerca di integrarla con sezioni di guida che appaiono in qualche modo "mutuate" dal non troppo riuscito (per essere gentili) 007 Racing (pubblicato sempre da Electronic Arts per PlayStation, lo scorso anno), sviluppate fortunatamente in maniera molto più dignitosa. Il collegamento tra le sezioni in prima persona e quelle di guida non avviene purtroppo in maniera dinamica all'interno delle missioni, bensì è drasticamente delineato dalla natura stessa delle singole operazioni, studiate per l'una o per l'altra tipologia di gioco
JAMES BOND A PIEDI..
007 Agent Under Fire contiene una serie di dodici missioni suddivise per obiettivi da portare a termine in sequenza. Le più comuni vedono 007 impegnato in operazioni di infiltrazione in strutture ostili, usando sia armi convenzionali, sia gli strani strumenti creati dal geniale Q. L'azione presente in queste missioni è tipica degli sparatutto in prima persona condita però da una buona dose di "stealth action", tipica di giochi come Metal Gear Solid o GoldenEye. Sarà possibile camminare, correre, chinarsi e saltare lungo i livelli di gioco, facendo uso di armi e oggetti direttamente selezionabili tramite joypad (la configurazione dei comandi è selezionabile tra cinque diverse modalità). Determinati oggetti o armamenti possiedono varie tipologie di utilizzo che vanno sfruttate per procedere correttamente nel gioco. Agire discretamente e sfruttare eventuali vantaggi della conformazione dei livelli sarà importante per evitare scontri diretti coi nemici
0 commenti

007: Agent Under Fire

Disponibile per: GameCube, PS2 , Xbox
007: Agent Under Fire PS2 Cover
  • Piattaforma: PS2
  • PEGI: +12
  • Data di uscita: Dicembre 2001
Empire
Piccole Grandi Bugie
Piccole Grandi Bugie

Il (deludente) DVD di una serie che racconta tante verità

X-Files
X-Files

Al via l'undicesima stagione

The Assassination of Gianni Versace
The Assassination of Gianni Versace

Abbiamo visto in anteprima la prima puntata della serie TV

Bright

8

Bright

Ayer ci porta in una L.A. che unisce fantasy e moderno.

The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

Empire
Fe (Videogioco)
Fe (Videogioco)

Azione e sentimento contro il freddo metallo

Bayonetta 2

2

Bayonetta 2

Bayonetta e Bayonetta 2 sbarcano su Nintendo Switch!

Sid Meier's Civilization VI: Rise and Fall
Sid Meier's Civilization VI: Rise and Fall

Le opportunità si moltiplicano mentre vengono colte

Kingdom Come: Deliverance

22

Kingdom Come: Deliverance

La difficile vita di un uomo qualunque nel Medioevo

Dragon Quest Builders

3

Dragon Quest Builders

Cosa succede quando il titolo Mojang incontra un brand come Dragon Quest?