Sviluppare su Xbox One X è un gioco da ragazzi

Lo conferma Patrick Soderlund di Electronic Arts

Di Fabrizio Cirillo (19 Giugno 2017 - 11:55)
Sviluppare su Xbox One X è un gioco da ragazzi

Uno dei vantaggi di un'architettura sempre più PC centrica è senz'ombra di dubbio la possibilità di lavorare su hardware già noto senza la necessità di dover stravolgere una metodologia di lavoro ormai collaudata.

In tal senso ben si spiega l'affermazione di Patrick Soderlund di Electronic Arts circa i tempi di conversione di Anthem su Xbox One X, portato in uno stato definito "accettabile" in appena una settimana di lavoro.

"Siamo stati sorpresi da quanto rapidamente abbiamo ottenuto una buona qualità sulla Xbox One X" ha spiegato Soderlund.

"Ovviamente ci sono dei bug e delle cose che incontri sempre ma, in generale, ci è voluta forse una settimana per far girare il gioco in una maniera che avesse un aspetto quanto meno accettabile".

Ovviamente per rendere il gioco "grandioso" ci sarà sempre bisogno di un certo affinamento, ma di sicuro ci troviamo di fronte ad un'era videoludica distante anni luce dai tempi in cui ogni console necessitava di uno sviluppo quasi totalmente dedicato.

Empire
Empire
Assassinio sull'Orient Express
Assassinio sull'Orient Express

Il ritorno di un grande classico!

Flatliners - Linea Mortale

6

Flatliners - Linea Mortale

La ricerca di una risposta alla vita dopo la morte

Justice League
Justice League

La Lega della giustizia arriva al cinema!

Geostorm
Geostorm

Allerta Meteo Massima!

Geostorm
Geostorm

Una piacevole intervista in quel di Roma