Le microtransazioni? Un vero affare

A rivelarlo è un ex designer di BioWare

Di Fabrizio Cirillo (24 Ottobre 2017 - 09:08)
Le microtransazioni? Un vero affare

Nel corso di una recente intervista, l'ex designer di BioWare Montreal Manveer Heir ha spiegato che l'evoluzione di diversi franchise di Electronic Arts sul fronte multiplayer è stato determinato dal grande successo ottenuto dal sistema delle microtransazioni di Mass Effect 3.

Stando a quanto dichiarato, i pacchetti di carte introdotti a suo tempo nel gioco generò un volume di affari tale da portare la stessa Electronic Arts a rivedere i propri piani di sviluppo di gran parte dei giochi in proprio possesso, con l'adozione sia di mondi sempre più aperti che di una componente online che consentisse l'uso del famigerato sistema di crediti basati su soldi reali.

"Ho visto gente spendere letteralmente più di 15.000 dollari in pacchetti di carte di Mass Effect 3" ha spiegato Manveer Heir. E ancora:

"Il quantitativo di soldi che generammo solo con i  pacchetti di Mass Effect 3  fu così importante da giustificare la presenza del multiplayer anche in Dragon Age. Lo stesso discorso vale per tanti altri giochi EA che non avevano la componente online e che ora ce l'hanno. "

Empire
Empire
Red Sparrow: L'arte dell'inganno
Red Sparrow: L'arte dell'inganno

L'arte della seduzione tra spie

Black Panther

5

Black Panther

Ci voleva un Wakanda per cambiare la Marvel

Ore 15:17 - Attacco al Treno
Ore 15:17 - Attacco al Treno

Una nuova storia di eroi comuni

The Cloverfield Paradox

3

The Cloverfield Paradox

Nello spazio si vive di paradossi

L'ora più Buia

1

L'ora più Buia

Un ritratto esclusiva della figura di Churchill