Hands On Pro Evolution Soccer 2012

Siamo scesi in campo con la nuova casacca Konami!

Di Fabio Fundoni (11 Agosto 2011)
Palla al centro
Con l'uscita prevista nel prossimo mese di Settembre, Pro Evolution Soccer sta avvicinandosi sempre più al proprio esordio sul mercato e, ovviamente, la pressione mediatica e l'interesse dei videogiocatori è alle stelle. Abbiamo dunque provato una versione “work in progress” del gioco, così da farci almeno una idea iniziale su quello che vedremo girare praticamente su ogni piattaforma disponibile. Dopo la prova dello scorso capitolo, innovativa in certi elementi ma non in grado di soddisfare pienamente, il team di Seabass arriva da mesi in cui ha diramato promesse e materiale riguardo a quella che, a sentire i comunicati, si preannuncia come una vera rivoluzione del marchio PES. Ma una rivoluzione è realmente in atto? Ovviamente, il solo modo per scoprirlo è indossare degli scarpini virtuali e scendere in campo!
Pro Evolution Soccer 2012 - Immagine 1
Per compiere a dovere questi movimenti sarà meglio studiare!
Pro Evolution Soccer 2012 - Immagine 2
Anche la gestione dell'attacco necessita impegno
Pro Evolution Soccer 2012 - Immagine 3
Scegliete a dovere il momento in cui colpire
Lo ammettiamo: il primo impatto con il nuovo gameplay ci ha spiazzato non poco. Appena preso il controllo dei nostri giocatori notiamo immediatamente un cambio della fisica dei corpi che, a nostro modo di vedere, tende a rendere i protagonisti più “leggeri” rispetto al passato, con quindi l'impressione di avere, generalmente, atleti più agili e facilmente guidabili, complice anche un affinato sistema di movimento a 360 gradi. Con palla o senza palla tutto appare più fluido, forse troppo rispetto ai tempi andati, imponendoci qualche partita di allenamento per prendere le misure alla nuova via battuta. Ovviamente il discorso non può che toccare immediatamente anche la fisica del pallone, uno dei lati storicamente positivi della saga e che, per fortuna, sembra essere rimasto a mostrare quanto di buono già mostrato negli anni passati.

I tiri si “sentono” già bene, mostrando forse qualche lieve impennata di velocità quando la palla è in fase discendente, ma nel complesso la versione da noi provata pare non aver voluto buttare via la buona tradizione a riguardo. Naturalmente per arrivare a tirare è necessario raggiungere prima la porta, magari con una fitta rete di passaggi. Quanto visto ci ha mostrato la necessità di prendere confidenza con un sistema legato alla precisione, sia per quanto riguarda la direzione verso cui indirizzeremo la palla, sia per la potenza assegnata al passaggio. I primi minuti di gioco sono infatti risultati pieni zeppi di palloni finiti in zone morte, in fallo laterale o, ancora peggio, tra i piedi di un avversario. Insomma, anche qui sarà necessario prendere le contromisure e ripassare un po' i fondamentali.
Vogliamo Mister X!
Stesso discorso ovviamente per i passaggi in profondità, ora più difficili da mettere a segno, soprattutto quando il nostro attaccante di riferimento starà scattando verso il centro dell'area, mentre avremo vita leggermente più facile per le palle indirizzate all'esterno. Più guidati i cross, ma visto l'andazzo ci viene spontaneo chiederci se la cosa dipenda unicamente dal livello di sviluppo della versione nelle nostre mani, visto che tutto il resto lascia pensare ad un sistema molto poco legato a binari e simili. Gli stessi giocatori soffrono meno del classico problema legato al vederli correre verso un pallone ormai perso col rischio di toccarlo e regalare all'avversario la rimessa laterale, il tutto inserito in un sistema che, come detto sopra, ne migliora la mobilità.

Di contro però abbiamo notato come l'importanza della velocità del singolo sia leggermente aumentata, con il risultato che raggiungere un attaccante in corsa con la palla risulta più complicato. I calciatori più rapidi sembrano poter contare su un discreto vantaggio rispetto al passato cosa che, se unita ad agilità e tecnica, li rende pericolosi come non mai. I migliori talenti del panorama mondiale come Messi, Cristiano Ronaldo e Rooney paiono essere quasi inarrestabili, sfoggiando sequenze di dribling e scatti capaci di mandare al manicomio anche il più difensivista dei giocatori. Per fortuna si fanno notare discreti movimenti difensivi dei nostri compagni (e degli avversari), poco inclini a farsi superare e a lasciare la punta antagonista sola davanti al portiere sebbene si possano notare ancora alcune amnesie, ma il lavoro sembra indirizzato verso la strada giusta.
Pro Evolution Soccer 2012 - Immagine 5
Gli stadi sembrano essere migliorati
Pro Evolution Soccer 2012 - Immagine 6
Diverse chicche per dare un tocco in più all'impatto visivo
Pro Evolution Soccer 2012 - Immagine 7
I portieri sono una delle cose che speriamo di veder migliorare
12

Pro Evolution Soccer 2012

Disponibile per: 3DS, PC, PS2, PS3, PSP, Wii, Xbox 360
Pro Evolution Soccer 2012 Xbox 360 Cover
Empire
Stranger Things

1

Stranger Things

Anni '80, tensione e paura. Vi raccontiamo la serie rivelazione rilasciata da Netflix!

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Season Finale - The Winds of Winter

Il Trono di Spade

5

Il Trono di Spade

Recap Episodio 6x09 - Battle of the Bastards

Il Trono di Spade

19

Il Trono di Spade

Recap Episodio 6x08 - No One

Il Trono di Spade

3

Il Trono di Spade

Recap Episodio 6x07 - The Broken Man

Empire
Star Trek Beyond

3

Star Trek Beyond

Uno spettacolare nuovo episodio per la saga

The Legend of Tarzan

1

The Legend of Tarzan

Il re della giungla torna al cinema con David Yates

Star Trek Beyond

Star Trek Beyond

Intervista a Sofia Boutella

Cell

Cell

Il contagio passa per lo smartphone

American Ultra

4

American Ultra

Amore, droga e agenti segreti.