Hands On Gears of War 2

Marcus e Dominic per le strade di Jacinto. Gli "ingranaggi della guerra" tornano a girare!
Ferdinando SaggeseDi Ferdinando Saggese (30 Settembre 2008)
Se non avete passato gli ultimi anni sulla luna, avrete sicuramente giocato, o almeno sentito parlare di “Gears of War”. Questo capolavoro firmato Epic Games ci ha mostrato, prima di molti altri titoli, la reale differenza tra vecchia e nuova generazione di console, coniugando una resa grafica da urlo, con una giocabilità immediata e coinvolgente, che esprimeva il suo massimo potenziale in modalità multiplayer. L'incredibile successo di critica e pubblico che questo sparatutto in terza persona ha ottenuto nel suo biennio di vita ha convinto i ragazzi di Epic a sviluppare un seguito, che raggiungerà i negozi di tutto il mondo il sette di novembre, ma che la redazione di Gamesurf è riuscita a provare un paio di settimane fa, nel corso di un evento che Microsoft ha organizzato presso la sua sede milanese.
Gears of War 2 - Immagine 1
Gears of War 2 - Immagine 2
Gears of War 2 - Immagine 3
Guidati dalle parole del mitico Clifford “CliffyB” Bleszinski, una delle menti più illuminate dell'attuale panorama videoludico, nonché producer del titolo, abbiamo quindi affrontato tutto il primo atto della nuova campagna in singolo giocatore, verificando così quante e quali promesse fatte in fase di sviluppo si sono concretizzate in un codice davvero vicino alla sua forma definitiva. “Gears of War” terminava, e non dovremmo rovinare la sorpresa a nessuno rivelandolo, con il mezzo fallimento della “bomba solare”, un sofisticato ordigno che, pur infliggendo una duro colpo alle forze nemiche, non era potente a sufficienza per cancellare dalla faccia di Sera le malvagie Locuste. In “Gears of War 2” la squadra Delta dovrà quindi fronteggiare la rappresaglia del nemico che concentrerà i suoi attacchi nelle vicinanze della cittadella di Jacinto.

Qui i destini dei Gears si intrecceranno con quelli di nuovi personaggi, che regaleranno alle tematiche trattate un taglio più maturo e profondo rispetto al passato. L'esempio più evidente riguarda il dramma che investirà il nostro amico Dominic Santiago; la sua disperata ricerca della moglie Maria, tenuta prigioniera chissà dove dalle perfide Locuste, rivestirà sicuramente un ruolo fondamentale nell'evoluzione della trama di gioco, che proporrà sequenze di intermezzo molto più lunghe e cinematografiche rispetto a quelle realizzate per il precedente capitolo. Dobbiamo dire che nel corso della prova abbiamo sofferto la lunghezza di alcuni filmati, che per quanto ben realizzati, spezzavano eccessivamente il ritmo di un gioco che fa dell'azione pura e semplice uno dei suoi punti di forza. La giocabilità è stata sensibilmente modificata per assecondare le nuove caratteristiche del motore grafico, una versione riveduta e corretta del potente e versatile “Unreal Engine 3”.

Oltre ad un nuovo bilanciamento della armi, i ragazzi di Epic Games si sono infatti concentrati sul sistema di coperture, ora molto più profondo grazie all'introduzione dei materiali deformabili, e su quello di combattimento. Le novità introdotte in quest'ultimo riguardano la possibilità di usare gli avversari atterrati come scudi umani semplicemente premendo il tasto “A”, scelta che ci obbligherà ad usare solamente la pistola automatica, ed il nuovo spettacolare sistema per le esecuzioni capitali, che enfatizzerà la dipartita delle orrende Locuste con un'animazione generata contestualmente alla pressione di alcuni tasti, o all'arma imbracciata.



Questa ultima caratteristica ci ha permesso di notare i notevoli miglioramenti nella simulazione delle caratteristiche fisiche dei cadaveri e, più in generale, dei corpi molli, che reagiranno realisticamente alle sollecitazioni esterne. In Epic si sono infine adoperati per ridurre l'effetto claustrofobico generato dalle lunghe sezioni al chiuso, e dai percorsi obbligati che costellavano il primo capitolo della serie. In “Gears of War 2” visiteremo effettivamente location molto più aperte ed ariose, ma quasi nulla sembra essere stato fatto per correggere l'estrema linearità dei livelli. Persino la sezione ambientata nella foresta, che si sperava suggerisse inediti scontri in campo aperto, si svolgerà a bordo di giganteschi mezzi meccanici, che seguiranno binari invisibili; un vero peccato.

Il livello di sfida proposto dal gioco è stato rivisto grazie all'introduzione di una nuova opzione, più semplice di “Casuale”, e dalla possibilità di scegliere difficoltà personalizzate durante le campagne in cooperativa. Sostanzialmente il sistema varierà l'ammontare massimo di danni inflitti e subiti da ogni partecipante a seconda del livello di difficoltà selezionato, in modo da coinvolgere contemporaneamente giocatori di differente abilità. Tra le modalità multiplayer fa inoltre il suo esordio “Orda”, un interessantissimo compromesso tra un opzione competitiva ed una cooperativa. I giocatori coinvolti in una partita “Orda” dovranno infatti coordinasi per respingere fino a cinquanta ondate di Locuste, tenendo sempre a mente l'obbiettivo finale, ovvero eliminare una Locusta in più di tutti i compagni/avversari.

In caso si una prematura dipartita il giocatore colpito farà da spettatore fino al raggiungimento dell'ondata successiva, espediente che lo costringerà a fare il tifo per i suoi stessi avversari/compagni. Sotto il profilo tecnico la serie non smette di stupire. Oltre alle nuove caratteristiche del motore fisico, di cui abbiamo parlato analizzando le modifiche apportate al gameplay, trovano infatti posto una gestione dei liquidi più accurata, anche se ancora migliorabile, ed un nuovo sistema di illuminazione dinamica, che esalterà la qualità delle texture in alta definizioni. I modelli poligonali di personaggi e strutture sembrano ancora più dettagliati ed i colori, abbandonata la palette vicina alle tonalità del grigio, ci hanno colpito per saturazione e nitidezza.

La continua ottimizzazione del codice relativo all'engine, infine, lo ha reso più bello da vedere, ma al tempo stesso più snello e performante, eliminando qualsivoglia rallentamento anche nelle situazioni più affollate. Anche il codice di rete è stato modificato, in primo luogo per cercare di limare il più possibile il vantaggio di cui gode che fa da host durante le partite online, in seconda battuta per eliminare quei momenti di invulnerabilità durante il cambio dell'arma, che in “Gears of War” avevano creato qualche grattacapo ai team leader dei clan più competitivi.
Gears of War 2 - Immagine 7
Gears of War 2 - Immagine 8
Gears of War 2 - Immagine 9
Gears of War 2" trasmette le stesse, positivissime sensazioni del suo predecessore. Una volta che avrete impuganto il pad e lanciato la campagna, vi sembrerà di reincontrare un amico che non vedevate da un pò, cambiato, ma ancora capace di farvi divertire come un tempo. Le modifiche apportate alla giocabilità, le nuove caratteristiche dell' "Unreal Engine 3" e le nuove opzioni multiplayer hanno trovato giusta collocazione in un seguito che, pur non rivoluzionando l'apprezzata formula di base, promette ore ed ore di sano divertimento. Risolto il dilemma longevità, Cliffy ci ha assicurato che il minutaggio previsto per terminare la nuova avventura supererà di gran lunga quello necessario per terminare la precedente, l'unico vero appunto che ci sentiamo di muovere a questo "Gears of War 2" riguarda la confermata linearità dei livelli, decisamente migliorati dal punto di vista strutturale, ma ancora troppo vincolati allo schema: "vai dal punto A al punto B e spara a tutto quello che si muove". Poco male. In conclusione quello che possiamo consigliarvi di fare è di contare gli euri che avete messo da parte sinora, il sette novembre potrebbe essere la data giusta per cominciare a spenderli!
0 commenti

Gears of War 2

Gears of War 2 Xbox 360 Cover
Empire
The Flash
The Flash

Diamo un'occhiata alla terza stagione in Blu-Ray

The 100
The 100

Analizziamo i contenuti di questa terza stagione

Stranger Things

9

Stranger Things

Il sequel (quasi) perfetto!

Star Trek Enterprise

2

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Empire
Far Cry 5

1

Far Cry 5

Siamo tornati in Montana!

Resident Evil Revelations 2

3

Resident Evil Revelations 2

L'orrore sbarca in forma portatile!

Linea Sparco Gaming
Linea Sparco Gaming

Nella splendida cornice del Monza Rally Show, Sparco Gaming ha presentato la nuova seduta da gioco per il 2018

Steep

1

Steep

Le Olimpiadi coreane in questo nuovo DLC!

Kingdom Come: Deliverance
Kingdom Come: Deliverance

Abbiamo fatto un salto nel medioevo!