Hands On FIFA 18

Il titolo di EA Sports esce finalmente allo scoperto!
Roberto VicarioDi Roberto Vicario (10 Giugno 2017)

La finale di Champions League ha regalato un finale di stagione piuttosto amaro ai tifosi juventini. Una maledizione che la squadra di Torino deve scrollarsi di dosso il prima possibile. Una specie di talismano, in grado di farci riscrivere la storia (almeno videoludicamente), può essere tranquillamente il prossimo FIFA18; capitolo annuale della ormai famosissima serie calcistica di EA Sports.

Un evento in una inusualmente torrida Milano, ci ha permesso di toccare con mano il titolo, ma soprattutto scoprire alcuni dei dettagli più importanti che sono stati implementati in questo nuovo capitolo della saga.

Siete pronti a riscrivere, anche quest’anno, la storia del calcio?

Una maturità acquisita

Maggio è ormai ufficialmente il mese di reveal per il titolo calcistico di EA Sports. In quel di Milano si sono presentati Matthew Prior (Creative Director) , e Samuel Rivera (Lead Game Producer) . I due ragazzi di EA Sports, prima di farci provare la build che hanno portato per l’occasione, hanno voluto porre l’accento su alcuni elementi per loro cruciali nello sviluppo di FIFA18.

Il primo riguarda ovviamente una maggiore consapevolezza raggiunta nell’utilizzo del Frostbite. Lo scorso anno è stato quello della rifondazione. Il passaggio dall’Ignite al Frostbite non è stato per nulla semplice e, come ci è stato detto anche da Prior , questo anno in più sulle spalle è stato molto utile per prendere ulteriore confidenza con il nuovo engine.

Tutto questo si traduce in una qualità degli stadi e dei giocatori nettamente superiore a quella dello scorso anno, un'illuminazione ancora più credibile e soprattutto tutta una serie di accorgimenti che vi illustreremo meglio nelle prossime righe.

Non è ovviamente solo quella video la componente migliorata, ma si è andati a lavorare molto sulla esplosività dei movimenti, sulla fluidità di gioco e sulla personalizzazione dei giocatori, ma più di ogni altra cosa, sulla responsività.

 

Proprio partendo da questa ultima voce, molto interessante sia sulla carta che all’atto pratico, EA introduce la nuova “motion technology system”. La nuova tecnologia amalgama con maggiore armonia e credibilità i movimenti dei giocatori, e nell’ottica del “frame by frame” non chiede più al modello digitale di completare un’animazione prima di iniziarne una nuova, ma lavora in maniera più armoniosa e coerente. Questo vuol dire che i cambi di direzione, la corsa, il tiro e i dribbling, saranno molto più belli da vedere e ricchi di nuove animazioni.

Molto interessante anche il discorso riguardante la personalità dei giocatori che, in questo nuovo capitolo, avranno animazioni dedicate e specfiche in base alla loro progressione, alla postura della corsa e a molti altri elementi che offrono una maggiore credibilità nel confronto con le movenze nella realtà. Inoltre, per i giocatori meno conosciuti, ci saranno delle specie di archetipi che andranno comunque a dipingere una personalità sul giocatore.

Novità anche sotto il profilo delle animazioni, in particolare per quanto riguarda i tiri al volo (con nuovi effetti in base all’impatto con la palla), le palle in profondità, ma soprattutto i cross: completamente rivisti dopo il fallimento della scorsa stagione, e ora molto più temibili.

Chiudiamo parlando delle tattiche di squadra che offrono,come ogni anno, una serie di miglioramenti legati al gioco e le fasi offensive e difensive, ma soprattutto una maggiore credibilità nello stile di gioco adottato con i due estremi del tiki taka e dall’altra parte il nostrano catenaccio.

FIFA 18 - Immagine 1

Uno stadio sempre più vero

Tanto lavoro è stato fatto anche sul contorno del campo da gioco. Gli stadi sono stati completamente rivisti sia a livello di qualità grafica ma anche e soprattutto nelle atmosfere. Questo servirà per dare ad ogni “arena” la sua personalità; la Bombonera -ad esempio - sarà molto più calda e ricca di dettagli, anche sulle curve. Inoltre, è stata completamente riscritta la folla che popola gli spalti. Ora l’IA l’ha resa più autonoma, meno legata e costretta, ma in grado di reagire in maniera differente, magari creando gruppi di tifosi che esultano, oppure nuove animazioni come quella che offre la possibilità di andare ad esultare in mezzo ai tifosi. Vi assicuriamo che dal vivo è davvero molto bella da vedere.

Altra novità piuttosto gradita è quella legata alla possibilità di effettuare le sostituzioni durante i replay. Una scelta fatta dal team di sviluppo per evitare che l’azione di gioco venga frammentata in maniera eccessiva.

Dopo tutte queste sviolinate tecniche abbiamo infine messo le mani sul gioco, e abbiamo giocato qualche partita con i team presenti nella demo (Real, PSG, Man City e United, Juventus ecc). Ovviamente qualsiasi disamina tecnica sul gioco è sin troppo prematura, ma le sensazioni che abbiamo avuto sono state decisamente positive. Pad alla mano è pienamente tangibile la fluidità, ma soprattutto un ritmo di gioco molto lento (tra i più lenti provati in un capitolo della serie) che porta a ragionare molto di più sulla costruzione della manovra.

Sotto l’aspetto visivo, giocato su console Sony, Fifa 18 si è rivelato davvero molto buono: dettagliato ma soprattutto già molto fluido. Abbiamo infine visto in azione il nuovo “system” che governa i tifosi sugli spalti e vi possiamo assicurare che è visivamente ottimo.

Prima di chiudere è bene sottolineare anche il ritorno della modalità “The Journey”. Torneremo ancora una volta a vestire i panni del calciatore Alex Hunter, anche se questa volta potrà essere personalizzato sia nella componente estetica che nel vestiario, in modo che ognuno possa avere il SUO Alex Hunter. La storia sarà più lineare e divisa in sei capitoli che porteranno finalmente Alex fuori dal suolo inglese, facendolo viaggiare per il mondo e facendogli conoscere un sacco di giocatori famosi. Infine, ci sarà la possibilità di un local multiplayer e soprattutto la possibilità di utilizzare altri personaggi.

Vi ricordiamo inoltre che da quest’anno le leggende FUT sbarcheranno anche sulle altre piattaforme. Il gioco sarà disponibile per gli abbonanti EA Access dal 21 settembre, il 26 per chi ha effettuato il pre order e il 29 per tutti gli altri. Ci si vede dopo l'estate!

FIFA 18 - Immagine 2

Nonostante la cadenza annuale, FIFA18 ha mostrato ancora una volta la volontà di volersi migliorare con costanza e soprattutto ascoltando il feedback dei giocatori. Possiamo quindi affermare che le novità in questo nuovo capitolo non mancano, ma da qui a dire quale sarà l'impatto nel gameplay, è ancora troppo presto per sbilanciarsi. In attesa di scoprire qualcosa di più sulle altre modalità, sui portieri, sulle difese e soprattutto sul FUT...al momento possiamo riternerci soddisfatti.
Sky TG24: guarda la diretta

FIFA 18

Disponibile per: Switch, Xbox One, PS4 , PC, Xbox 360, PS3
FIFA 18 PS4 Cover
Empire
Star Trek Enterprise

1

Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
WWE 2K18

3

WWE 2K18

Il Wrestling Made in WWE, torna sulle nostre console!

NBA Live 18
NBA Live 18

Un nuovo inizio

Rogue Trooper Redux

10

Rogue Trooper Redux

Puffo forzuto, strafatto di nandrolone, va alla guerra!

South Park: Scontri Di-Retti

2

South Park: Scontri Di-Retti

L'universo di Trey Parker e Matt Stone ridiventa un videogioco. Ed è bellissimo.