Anteprima Paraworld

Ambientazione steampunk e dinosauri per questo ottimo RTS.
Patrick GrioniDi Patrick Grioni (14 Agosto 2006)
Dopo una descrizione generale e un primo indiretto assaggio delle potenzialità di Paraworld, sviluppato dai tedeschi Sunflowers, abbiamo avuto la possibilità di testare ben 2 versioni preliminari per poter meglio inquadrarne le peculiarità e apprezzarne le indubbie buone caratteristiche in precedenza descritte. L'azione vera e propria, a quanto pare, si svilupperà in due diverse fasi di gioco, amalgamate ottimamente dalla narrazione e dal gameplay vero e proprio: una fase esplorativa, in stile Dungeon Siege per intenderci, e una sezione tattica, simile a molti altri RTS. Nel primo caso, solitamente, saremo alla guida di uno dei tre eroi, con qualche truppa minore di contorno, e dovremo portare a termine delle missioni specifiche o raggiungere particolari luoghi o artefatti, senza curarci minimamente della raccolta di risorse o della micro economia del nostro villaggio, mentre nella seconda ipotesi, si dovranno creare e gestire molte più truppe e badare a legno, pietra e cibo, i tre principali mezzi di sostentamento.
Paraworld - Immagine 1
Effetti particellari e combattimenti alquanto realistici, anche fisicamente.
Paraworld - Immagine 2
Gli sbarchi via mare sono una dinamica consueta
Paraworld - Immagine 3
Le ghiacciate terre del nord
Se ne aggiunga un quarto, però, per gli upgrade delle unità e per accedere a particolari caratteristiche, i così detti teschi, accumulabili a seconda del proprio impeto bellico. Il ritmo di gioco è in linea di massima abbastanza pacato, molto soft così come i colori sfocati e la sensazione di “morbido” che fin dalle prime fasi di gioco si avverte. Uno scenario, mediamente, può durare anche 2 ore, caratteristica che ci introduce ad un indubbio pregio che Paraworld, fin da questa versione dimostrativa, sembra avere: l'equilibrio. L'intelligenza artificiale, invece, è rimandata a settembre, viste le buone iniziative che coerentemente assume il pc, ma macchiata da una certa lentezza nel difendersi dagli attacchi del giocatore, che concentrandosi sugli edifici può veramente infliggere pesanti danni.
E' l'insieme, però, a convincere, e l'amalgama delle varie fasi di gioco, supportata da una storia e un ambientazione affascinante.

Army Controller

Solitamente siamo abituati a selezionare gruppi di unità creando poi divisioni con CTRL+ 1,2 ecc..
Questa metodologia, migliorata da molti RTS che danno modo di selezionare solo unità specifiche e segnalandoci al contempo le truppe inattive, ha il grosso difetto di non fornirci un quadro completo delle unità in campo e peccando quindi in flessibilità. Il cuore di Paraworld punta a superare questo problema con un'utile interfaccia di selezione/promozione: l'Army Controller. Ogni truppa in campo, che sia un raccoglitore, un soldato, un dinosauro o un eroe, rientrerà in questa interfaccia di controllo pronta a essere selezionata: tutti gli upgrade, le caratteristiche e la salute, potranno essere controllati da questo utile strumento, evitando di dover selezionare e furiosamente cliccare a schermo le unità durante il combattimento.
La sua natura geometrica all'incontrario (più si sale di livello, meno truppe è possibile promuovere) consente di non avere eserciti numerosi, ma specifici ed estremamente personalizzati.
Per capire ancora meglio l'innovazione apportata, durante il gioco sembra quasi di avere un'immensa creatura (l'esercito) a cui attribuire dei punti caratteristica (i soldati) quasi fosse un RPG.
Paraworld - Immagine 4
E' evidente una certa, fastidiosa a volte, artistica altre, sfumatura.
Paraworld - Immagine 5
L'estensione visiva non eccezionale
Paraworld - Immagine 6
Le calde terre del sud
Aspetto visivo e sonoro

Dal lato grafico, oltre a sottolineare una certa ottimizzazione e varietà di settaggi (cosa peraltro rara in una beta), non ci convince appieno la costante, leggera, sfocatura dell'immagine che copre modelli e vegetazione di ottimo livello.
Il variare, però, dal giorno alla notte, con tramonti dalle splendide sfumature rosse, ci restituisce scorci veramente suggestivi, abbelliti ulteriormente da edifici che producono fumi e aloni che si intrecciano con il misticismo orientale di alcune civiltà presenti nel gioco.
Le unità constano di un buon numero di poligoni, molto spesso ricoperte da copiose dosi di bump mapping e soft shadows. Purtroppo la distanza visiva, per ottenere una buona fluidità, non è eccessiva. Il sonoro, di stile epico, accompagna bene l'azione, mentre gli effetti sonori ci sono parsi un po' troppo blandi, non restituendo accuratamente quello che dovrebbe essere il senso di una fragorosa battaglia.
Questa prima presa di contatto con il gameplay non è certo stata improduttiva e ha confermato alcune buone caratteristiche già intraviste nel nostro primo contatto con il gioco. Alcuni fattori centrali del titolo come l'ambientazione, il rivoluzionario Army Controller, la varietà d'azione e il filo narrativo, hanno evidenziato come il lavoro dei Sunflowers miri direttamente al cuore del genere RTS e punti in un certo qual modo ad una piccola rivoluzione. Sono ovviamente da annoverare anche alcuni difetti che reputiamo comunque secondari e che sembrano non minare l'esperienza di gioco.
0 commenti
Sky TG24: guarda la diretta

Paraworld

Paraworld PC Cover
Empire
Star Trek Enterprise
Star Trek Enterprise

Arriva anche in Italia il cofanetto completo della serie cult degli anni 2000

Madame Secretary
Madame Secretary

Il political drama di Tea Leoni arriva alla seconda stagione in DVD

Suburra

3

Suburra

La lotta per il potere in una Roma allo sbando

Prison Break

6

Prison Break

Il grande ritorno di Michael Scofield.

Marvel - i Difensori
Marvel - i Difensori

Tutti insieme appassionatamente

Empire
WWE 2K18

3

WWE 2K18

Il Wrestling Made in WWE, torna sulle nostre console!

NBA Live 18
NBA Live 18

Un nuovo inizio

Rogue Trooper Redux

10

Rogue Trooper Redux

Puffo forzuto, strafatto di nandrolone, va alla guerra!

South Park: Scontri Di-Retti

2

South Park: Scontri Di-Retti

L'universo di Trey Parker e Matt Stone ridiventa un videogioco. Ed è bellissimo.