Anteprima Age of Empires 3

Tommaso AlisonnoDi Tommaso Alisonno (20 Maggio 2005)
Nel panorama videoludico degli strategici in tempo reale, Age of the Empires merita sicuramente un posto di riguardo per la sua completezza e pregevole realizzazione tecnica che nei successivi upgrade, tra cui ovviamente il secondo capitolo vero e proprio, sono andate progressivamente vieppù migliorando, con grande soddisfazione di mamma Microsoft. Già da tempo si vociferava dell'imminente uscita del terzo episodio della saga: quale migliore occasione, pertanto, dell'E3 per presentarla definitivamente al pubblico? Questa volta il periodo storico preso in esame è quello della conquista e delle esplorazioni nel neoscoperto continente americano: come è noto a chi a scuola ascoltava con interesse le lezioni di storia, le risorse d'oltreoceno hanno fatto gola a tutte le maggiori potenze europee, e per quanto alla fine abbiano prevalso l'Inghilterra e la Spagna, di certo Francia, Germania, Portogallo, Olanda ed altre ancora sono rimaste tutt'altro che a bocca asciutta... e soprattutto chissà che rivivendo la storia in chiave videoludica le cose non possano finire in maniera differente.
Age of Empires 3 - Immagine 1
Un'immagine tra l'artwork e la grafica di gioco
Age of Empires 3 - Immagine 2
I pellerossa: c'è da chiedersi se saranno giocabili o solo l'equivalente dei “barbari” di Civilization
Age of Empires 3 - Immagine 3
Uno scenario invernale, o forse della zona Canadese
Primo elemento interessante del nuovo capitolo è l'implementazione di una cosiddetta “città natale” per ogni nazione: questa città “virtuale” (nel senso che non partecipa attivamente al gioco, ma sarà costantemente visualizzabile in tutto il suo splendore) sarà un po' l'equivalente della scheda del personaggio di un gioco di ruolo, in quanto potrà evolversi e potenziarsi man mano che i coloni otterranno “punti” nelle missioni di gioco. Potrete ad esempio ottenere punti sconfiggendo unità militari avversari, o fondando nuovi accampamenti, o ancora incamerando risorse: ad ogni tot punti così ottenuti verrete ricompensati con una “carta” da scambiare per ottenere un incremento nella città natale, a scelta tra quelli esclusivi della nazione. A ciascuno di questi incrementi corrisponderà inoltre la possibilità di accederne ad altri precedentemente negati, in un albero di progressione che viene promesso come molto intricato e che garantirà di evolvere la propria cultura in maniera molto libera e molto differente da partita a partita, rendendo soprattutto interessante il multiplayer anche nel caso in cui più giocatori scelgano la stessa nazione.
Age of Empires 3 - Immagine 5
Ciclo giorno/notte implementato? Mica male!
Age of Empires 3 - Immagine 6
Questa valletta sta per diventare scenario di uno scontro tra gli azzurri e i rossi
Age of Empires 3 - Immagine 7
Ecco come dovrebbero apparire le famose “Città natali”
Dal punto di vista della battaglie, il gioco si baserà sul classico sistema del “forbici–carta–sasso” con le unità del periodo prevalentemente suddivise in fanteria, cavalleria e artiglieria: la prima sarà particolarmente efficace contro la cavalleria ma necessiterà di avvicinarsi troppo ai cannoni e di tempi di mira troppo lunghi in ginocchio per non essere spazzata via con poche salve, mentre gli agili e veloci cavalli possono raggiungere l'artiglieria impedendo con la loro velocità di essere presi di mira dai pesanti obici. In un mini-trailer in-game visionato, a questo concetto si fondeva l'impatto grafico notevole: i soldati investiti dalle cannonate precipitavano giù dalle scogliere fino a terminare in acqua, mentre dei cavalieri perfettamente inquadrati riducevano ai più miti consigli dei cannonieri i cui colpi abbattevano pochi ussari e molti alberi (e gli alberi cadevano in maniera davvero pregevole).
Tanto è abbastanza per tenerci sulle spine nell'attesa della release definitiva, prevista per la fine di quest'anno.
Age of Empires 3 - Immagine 9
Un piccolo insediamento ben protetto.
Age of Empires 3 - Immagine 10
Age of Empires 3 - Immagine 11
Continua la missione di Microsoft nello trasporre i grandi periodi conflittuali tra le mega potenze storiche. Questa volta Age of Empires si affaccia sulla conquista e la colonizzazione del continente americano, lo fa migliorando completamente la sua veste grafica ed implementando in una sorta di gioco di ruolo delle progressioni ad albero specifiche e molto varie per ogni nazione in gioco. Stay Tuned per la versione definitiva, prevista per il prossimo inverno.
0 commenti

Age of Empires 3

Age of Empires 3 PC Cover
Empire
The Walking Dead
The Walking Dead

Abbiamo visto in anteprima la 8x09

Piccole Grandi Bugie
Piccole Grandi Bugie

Il (deludente) DVD di una serie che racconta tante verità

X-Files
X-Files

Al via l'undicesima stagione

The Assassination of Gianni Versace
The Assassination of Gianni Versace

Abbiamo visto in anteprima la prima puntata della serie TV

Bright

8

Bright

Ayer ci porta in una L.A. che unisce fantasy e moderno.

Empire
Empires Apart
Empires Apart

Il nuovo successore spirituale di Age of Empires?

Radiant Historia: Perfect Chronology
Radiant Historia: Perfect Chronology

A sette anni di distanza Atlus ripropone sulla portatile Nintendo uno dei migliori jRpG per DS.

Fe (Videogioco)
Fe (Videogioco)

Azione e sentimento contro il freddo metallo

Bayonetta 2

2

Bayonetta 2

Bayonetta e Bayonetta 2 sbarcano su Nintendo Switch!

Sid Meier's Civilization VI: Rise and Fall
Sid Meier's Civilization VI: Rise and Fall

Le opportunità si moltiplicano mentre vengono colte